Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 20 Settembre - ore 23.44

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Massardo: "Per la Palmaria il modello sia l'Asinara, non Capri"

Il candidato presidente della Regione, Aristide Massardo: "Se eletto cambierò il progetto di Toti".

e cita legambiente
Massardo: "Per la Palmaria il modello sia l'Asinara, non Capri"

Liguria - "La Palmaria poteva certamente essere un’occasione importante per immaginare un futuro diverso. Invece Toti se ne uscì con la 'famosa' proposta di realizzare una 'nuova Capri'. E’ tipico di realtà senza un retroterra storico e culturale copiare alcuni luoghi del mondo, realizzando ad esempio 'una piccola Venezia'. Nella millenaria storia europea c’è sempre stato il gusto di inventare cose nuove, non di copiare insediamenti già realizzati. La Palmaria può essere un’occasione straordinaria". Così Aristide Massardo, candidato presidente della Regione Liguria, in merito all'isola più grande dell'arcipelago spezzino. Un'isola che nell'idea dell'attuale governo genovese dovrebbe cambiare volto per sempre. "Unica isola abitata della Liguria, ma con un peso insediativo bassissimo, perché utilizzata quasi integralmente con funzioni militari.
Venute meno le esigenze legate alla difesa, se ne può finalmente programmare un futuro diverso - dice Massardo -. Come sostiene giustamente Legambiente, il masterplan è una clamorosa occasione mancata. Ci si affanna a dire che non si aggiunge un solo metro cubo a quelli esistenti. È però giusto ricordare che c’è stato chi di metri cubi ne ha tolti molti, demolendo lo 'scheletrone', senza sognarsi di rimpiazzarlo con nuovi volumi".

E ancora. "L’attuale equilibrio ambientale è garantito da una notevolissima presenza di volumi, per lo più non utilizzati. Attribuendo a questi edifici, una volta recuperati, funzioni nuove è evidente che il peso insediativo cambia radicalmente, anche a parità di peso urbanistico.
E per un ambiente delicato come quello della Palmaria non aver valutato questo aspetto è indice di una miopia culturale spaventosa. Bisogna ricominciare daccapo, mettendo in campo un’idea del tutto nuova per realizzare una eccellenza ambientale che richiami giovani da ogni parte del mondo. Se proprio si vuol copiare qualcosa invitiamo tutti a studiare l’esempio dell’Asinara, isola con sette supercarceri, chiuse più di vent’anni fa.
L’Asinara è diventata un luogo naturalistico con una flora e una fauna uniche al mondo. Ovviamente si tratta solamente di prendere lo spunto, l’idea, valorizzando gli aspetti specifici di un’isola che in quanto a ecosistema ambientale ha pochi eguali al mondo. Per questo mi schiero senza se e senza ma a favore della posizione di Legambiente e mi impegnerò da presidente a cambiare questo assurdo progetto di Toti".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News