Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 20 Settembre - ore 11.35

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Le prime parole di Toti su Sansa: "Che devo dire, condoglianze"

Da Sarzana, Giovanni Toti commenta la scelta ufficiale per il suo avversario: "La cultura peggiore, un misto di moralismo, velleitarismo, manettarismo: penso che i dirigenti della sinistra meritassero di più e di meglio".

via alle schermaglie

Liguria - "Sansa candidato contro di me? Che devo dire, condoglianze. Mi sembra che la sinistra, che in questa regione aveva una grande cultura, si sia arresa invece alla cultura che vede in ogni cantiere non un luogo di lavoro e di progresso ma un covo di ladri, in ogni negozio un evasore fiscale, in ogni pubblica amministrazione un luogo di corruzione e concussione, che scambia gli ideali per immobilismo o peggio per un grigio appiattimento. Il contrario di quella che è la cultura del progresso, del lavoro che non è la mia ma che la sinistra ha sempre rappresentato". A latere della conferenza stampa di Palazzo Roderio, Giovanni Toti commenta per la prima volta la scelta del candidato contro il quale si batterà a settembre, cercando la riconferma a presidente della Regione Liguria: "Hanno scelto di mettere insieme chi vuole e non vuole la gronda, chi vuole e non vuole il terzo valico, chi pensa che ogni nave sia fonte di inquinamento e non di lavoro, che considera ogni concessione dei nostri terminal un privilegio e non un investimento. La cultura peggiore rappresentata dai Cinque Stelle, dal Fatto Quotidiano, un misto di moralismo, velleitarismo, manettarismo: penso che i dirigenti della sinistra meritassero di più e di meglio". Difende il lavoro svolto nel suo primo mandato e rilancia le sue ambizioni: "Abbiamo un disegno di Liguria che penso possa rappresentare tutti, oltre il recinto della destra, che unisca riformismo, socialismo liberale, popolarismo, cultura d'impresa, corpi intermedi. Lo abbiamo fatto per cinque anni costruendo, dialogando, senza nessuna timidezza anche di fronte a cose importanti che abbiamo portato a termine. Se volevano un candidato che rappresentasse l'esatto opposto della Liguria che vorrei vedere nei prossimi anni, complimenti, perché sono riusciti a trovarlo. Il listino? Non indicherò nomi perché è uno strumento anacronistico e deruba i cittadini della possibilità di scegliere da chi essere rappresentato".

B.M - F.L.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News