Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 21 Agosto - ore 22.31

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Il Pd: "Un fondo per ristrutturare gli immobili sequestrati alla mafia"

Il Pd: `Un fondo per ristrutturare gli immobili sequestrati alla mafia`

Liguria - Un fondo annuale per mettere in moto iniziative di contrasto alla criminalità organizzata e ristrutturare gli immobili sequestrati alla mafia, in moda da metterli a disposizione dei cittadini. È questo uno dei punti cardine della proposta di legge del Gruppo del Partito Democratico in Regione Liguria, che va a modificare la norma già esistente in materia - legge regionale 5 marzo 2012, n. 7 (Iniziative regionali per la prevenzione del crimine organizzato e mafioso e per la promozione della cultura della legalità) – ma che ha trovato la netta opposizione del centrodestra.
"La maggioranza, infatti - si legge in una nota -, ha tentato di depotenziare la norma – che verrà discussa domani in Consiglio regionale - chiedendo lo stralcio degli articoli riguardanti il fondo annuale: l’obiettivo, spiegano i consiglieri regionali del Gruppo Pd, è rinviare un dibattito che, invece, va affrontato al più presto. “Siamo disponibili a ragionare sulle cifre da stanziare – chiariscono gli esponenti del Partito Democratico – ma non si può certo fare una legge a costo zero, come vorrebbe il centrodestra. Gli immobili sequestrati, tanto per fare un esempio, necessitano di interventi di ristrutturazione e messa in sicurezza per essere fruibili dalla cittadinanza. Un fondo annuale serve a dare concretezza alle buone pratiche elencate all’interno della norma”.

Scendendo nel dettaglio della proposta di legge del Gruppo del Partito Democratico, con i primi tre articoli si riorganizza l’assetto iniziale della norma vigente, introducendo la suddivisione dell’attività di prevenzione in primaria, secondaria e terziaria per contrastare i fenomeni di criminalità organizzata, incentivando così i percorsi di formazione ed educazione alla legalità.

Inoltre questa modifica prevede l’introduzione di iniziative di formazione, per diffondere la cultura dell’etica pubblica tra il personale regionale e tra quello degli enti del sistema regionale in materia di contratti, per la predisposizione di clausole ad hoc nei bandi e nei capitolati. Un nodo centrale che consente di evitare che servizi e interventi importanti vengano affidati ad aziende in “odore di mafia”.

Nella legge sono previsti inoltre interventi di prevenzione e contrasto della criminalità in materia di tutela della salute e dell’ambiente e uno degli obiettivi principali è l’implementazione di misure per la legalità e la trasparenza.

Sul tema dell’educazione alla legalità e al contrasto alla criminalità organizzata e mafiosa, dei fenomeni dell’usura e dell’estorsione e del sostegno alle vittime di reati, con questa legge la Regione promuove e stipula convenzioni con le organizzazioni del Terzo Settore e, in particolare, con le organizzazioni di volontariato e le associazioni di promozione sociale che operano in questo campo, anche grazie all’istituzione, all’interno del registro regionale del volontariato e dell’associazionismo, di un’apposita sezione riservata alle stesse associazioni a cui richiede precisi requisiti.

Infine, grazie a questa modifica, si introduce anche l’istituzione di un codice di autoregolamentazione da parte di tutti i gruppi consiliari, che faccia riferimento alle migliori pratiche in materia di legalità, trasparenza e prevenzione e contrasto alla corruzione, affinché venga nominato, all’interno di ciascun gruppo, un apposito responsabile.
La norma, come detto, propone anche un fondo che va a coprire annualmente tutte le iniziative".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure