Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 21 Ottobre - ore 22.25

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Costa: "Meglio posticipare di un mese le battute di caccia al cinghiale"

Il consigliere di Liguria Popolare-Noi con l’Italia ha presentato un ordine del giorno in cui chiede lo slittamento dell’attività venatoria: "E’ una misura di buon senso per la sicurezza di coloro che frequentano i boschi e per i cacciatori stessi".

Calendario venatorio
Costa: "Meglio posticipare di un mese le battute di caccia al cinghiale"

Liguria - Posticipare al Primo novembre l’avvio della caccia al cinghiale prolungandone l’apertura fino al 31 gennaio. Questa proposta è contenuta in un ordine del giorno, presentato oggi da Andrea Costa (Liguria Popolare-Noi con l’Italia), presidente della III Commissione Attività Produttive. Il consigliere invita la giunta a valutare l’ipotesi di modificare l’attuale calendario: "Questa proposta - sottolinea Costa - non riduce il periodo complessivo dedicato all’attività venatoria relativa al cinghiale, ma ne prevede solo uno slittamento verso la stagione più fredda. Nel mese di ottobre, infatti, grazie anche al clima mite della Liguria - spiega - i nostri boschi sono ancora meta di turisti, cercatori di funghi, escursionisti e frequentatori occasionali. Inoltre la vegetazione rimane fitta e non consente, dunque, una buona visibilità, mettendo a rischio la sicurezza di quanti percorrono i sentieri e degli stessi cacciatori. Ritengo che rivedere il calendario possa rappresentare una misura di buon senso che rispetta i diritti sia di chi esercita l’attività venatoria sia di chi frequenta i nostri boschi".

Attualmente il prelievo venatorio del cinghiale in Liguria è consentito dal 16 settembre al 16 dicembre. Costa, inoltre, ribadisce l’importanza degli interventi di controllo faunistico, che vengono effettuati durante l’anno là dove i cinghiali hanno provocato danni all’agricoltura e alla proprietà privata: "La tutela delle produzioni agricole impone di proseguire le battute già avviate e, semmai, di implementarle perché la diffusione incontrollata di cinghiali rappresenta ormai una piaga per il comparto, oltre che un serio pericolo per la viabilità sulle nostre strade". L’ordine del giorno verrà discusso in una delle prossime sedute del Consiglio regionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News