Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 16 Agosto - ore 22.30

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Cannabis per fini terapeutici, il consiglio regionale dice sì

Voto bipartisan. Primo firmatario del testo, il forzista Angelo Vaccarezza.

Cannabis per fini terapeutici, il consiglio regionale dice sì

Liguria - E’ stato approvato oggi nel corso della seduta del consiglio regionale della Liguria l’ordine del giorno sull’uso terapeutico della cannabis. Voti unanime: 28 favorevoli su 28 votanti.
Il documento, di cui è primo firmatario Angelo Vaccarezza, è stato sottoscritto dai colleghi Claudio Muzio (Forza Italia), Gianni Pastorino(Rete a Sinistra - Liberamente Liguria), Stefania Pucciarelli (Lega Nord), Francesco Battistini (Rete a Sinistra - Liberamente Liguria).
“L’uso terapeutico della cannabis è da sempre tema delicato e controverso – ha dichiarato Vaccarezza - con l’approvazione di questo ordine del giorno abbiamo fatto un piccolo passo avanti nella tutela del malato e nel rispetto di quanti, a causa di patologie gravi, devono affrontare sofferenze fisiche decisamente invalidanti.
Oltre alla richiesta alla Giunta affinché si attivi per l’erogazione del farmaco a carico del Servizio sanitario regionale, sappiamo che è necessario anche gettare le basi per dare agli operatori del settore appropriate indicazioni mediche e creare una rete di formazione”.
Il Presidente del Gruppo consiliare ha ritenuto necessaria un’iniziativa sul tema proprio perché di grande importanza sociale, ma ancora oggetto di pregiudizi: “Ogni cittadino ha il diritto di non soffrire. Chiediamo alla Giunta di attivarsi anche per fare in modo che la somministrazione dei medicinali possa avvenire attraverso un doppio canale di distribuzione, sia territoriale sia in ambito ospedaliero. È inoltre necessario prevedere un’intesa con l’Università di Genova finalizzata alla ricerca scientifica sull’efficacia della cannabis nelle patologie neurologiche, infiammatorie croniche e al trattamento del dolore per i malati terminali”.

“E’ necessario prevedere un accordo con Federfarma - prosegue Vaccarezza -, l’associazione che riunisce i titolari di farmacie, per far sì che gli utenti possano usufruire del servizio anche recandosi nelle farmacie, non solo quelle ospedaliere, potendo così accedere alla somministrazione di cure a base di cannabis e di principi attivi cannabinoidi. Contemporaneamente dobbiamo fare in modo che i medici e i farmacisti, e anche i cittadini siano sempre aggiornati sul tema grazie alla campagna informativa che sarà necessario sviluppare”.

«Con questo atto la regione riconosce a ogni cittadino il diritto di ricevere cure a base di principi attivi cannabinoidi – dichiara il consigliere regionale di Rete a Sinistra / LiberaMente Liguria Gianni Pastorino, firmatario del provvedimento -. Ci siamo mobilitati moltissimo per trovare convergenze su questo odg, che consideriamo in appoggio alla nostra proposta di legge regionale di prossima discussione».
I punti chiave del provvedimento: sarà garantita l’erogazione del farmaco a carico del servizio sanitario regionale su base di precise, documentate e appropriate indicazioni mediche; la somministrazione dei medicinali potrà avvenire sia in ambito ospedaliero sia attraverso le farmacie, in accordo con Federfarma, su prescrizione del medico specialista, verificata l’inefficacia delle terapie tradizionali. Previsto anche un accordo con l’Università di Genova finalizzato alla ricerca scientifica sull’efficacia della cannabis nelle patologie neurologiche, infiammatorie croniche, degenerative, autoimmunitarie e al miglioramento della terapia del dolore. A ciascuna ASL sarà affidato il monitoraggio periodico sul numero di pazienti trattati, consumo dei medicinali cannabinoidi e andamento della spesa.
«Finalmente la politica si libera di questa ambiguità. La cannabis non sarà la panacea per tutti i mali. Ma è una pianta dalle qualità straordinarie dal punto di vista terapeutico, ingiustamente stigmatizzata da pregiudizi e campagne diffamatorie che hanno impedito di percepire appieno le sue virtù e i possibili campi di applicazione clinica – sottolinea Pastorino -. Come consigliere, ora mi impegnerò a fondo per l’approvazione della nostra legge a favore della formazione e dell’informazione sui farmaci cannabinoidi per operatori sanitari, medici e farmacisti, già preannunciata dal provvedimento approvato quest’oggi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure