Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 28 Ottobre - ore 22.29

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Articolo uno: "Piena solidarietà ai metalmeccanici nella vertenza per l'aumento salariale"

Articolo uno: "Piena solidarietà ai metalmeccanici nella vertenza per l'aumento salariale"

Liguria - Ritornano i metalmeccanici. Una vertenza sindacale.
Come ha scritto il sociologo Marco Revelli non si tratta di una jacquerie selvaggia, tipo negazionisti del Covid, forconi o "gilet jaunes" francesi ma di un fisiologico conflitto.
Si sono rotte le trattative. Indetti scioperi. Al centro della scontro: il salario.
Fiom, Fim, Uilm chiedono circa 145 € di aumento mensile, intorno all'8%. La Confindustria del falco Bonomi non è disponibile ad andare oltre l'adeguamento all'inflazione, non oltre il 2%, pari a circa 45€ mensili per i livelli più alti. I salari italiani sono fermi praticamente da 20 anni. Secondo le statistiche Ocse le retribuzioni reali italiane sono cresciute in media annua di valori frazionali molto inferiori all'1% e si collocano agli ultimi posti della graduatoria tra i Paesi industriali. Nel 2017 con una retribuzione media di 29.214 euro lordi i lavoratori italiani stavano di 17.000 euro sotto i lavoratori olandesi, 10.000 euro meno dei tedeschi, 8.500 in meno dei francesi. Solo gli spagnoli vanno peggio. Anche gli alimentaristi sono in lotta per il contratto. I metalmeccanici sono un milione e mezzo. Sono tanti. La classe operaia è sparita dal tavolo del dibattito pubblico ma c'è, è reale, e continua a battersi per i suoi diritti e contro le politiche degli ultimi decenni di compressione del costo del lavoro. Una politica fallimentare. Anche l'Europa e la Germania, che è stata il paese guida di tale politica, lo hanno capito. Persino il tanto declamato, da loro signori, Draghi chiede da tempo di aumentare i salari italiani troppo bassi per aumentare la domanda. Solo i padroni italiani alla Bonomi hanno la testa dura e così vanno contro i metalmeccanici e anche contro la ripresa economica. La lotta di classe al contrario la fa la Confindustria.
Solidarietà piena ai metalmeccanici.

Il coordinamento regionale di Articolo uno

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News