Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 20 Febbraio - ore 22.42

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Allarme "ospedali ai privati" anche da Battistini e Pastorino

Allarme "ospedali ai privati" anche da Battistini e Pastorino

Liguria - Con gli ultimi atti della giunta regionale, l’apertura delle buste relative alle gare per gli ospedali del ponente e le dichiarazioni odierne di Toti sull’acquisto delle aree Erzelli, si è aperto realmente il grande piano per la privatizzazione della sanità ligure. «In quasi 3 anni e mezzo questa giunta non ha risolto né il problema della mobilità passiva verso altre regioni e l’estero, né le liste d’attesa per gli esami diagnostici. Invece ha accentuato in maniera esponenziale la carenza di personale medico e infermieristico. E non è mai riuscita a realizzare vere e proprie Case della Salute in quelle zone che da anni vivono il dramma della deprivazione dei servizi sanitari; come la Valpolcevera – dichiarano il capogruppo di Rete a Sinistra / LiberaMente Liguria Gianni Pastorino e il consigliere reigionale Francesco Battistini -. Sul fronte opposto, i privati si aggiudicano per 9 anni gli ospedali di Cairo Montenotte, Albenga e Bordighera. Naturalmente le origini di questa situazione vanno ricercate più lontano, e nessuno, fra quanti oggi gridano allo scandalo, può ritenersi esente da responsabilità. Ma è fuori di dubbio che la giunta Toti abbia accentuato la spinta verso il privato, sino a prendere in considerazione di acquistare per 40 milioni di Euro i terreni su cui far sorgere l’ospedale di Erzelli».

«Qualcuno dirà: “finché mi curano, privato e pubblico sono la stessa cosa”. Mica vero! Anzitutto vorremmo sapere come faranno i nuovi gestori degli ospedali del ponente ad assicurare le funzioni di pronto soccorso, ai sensi della normativa Balduzzi, senza una variazione dei costi. Secondariamente, bisogna sottolineare che siamo di fronte a un privato pagato e assistito dal servizio sanitario pubblico, senza l’intervento del quale sceglierebbe accuratamente chi assistere e chi no, a quali costi e a quali condizioni. Quanto avvenuto nelle altre regioni lo dimostra inequivocabilmente – sottolineano Pastorino e Battistini -. Insomma: se Regione Liguria ha 40 milioni per acquistare i terreno di Erzelli, allora non si capisce perché non ci siano i soldi per intervenire massicciamente sul miglioramento della sanità pubblica, che, invece, viene costantemente sottoposta a una cura dimagrante a vantaggio di altri soggetti. Nonostante le grandi competenze espresse dal personale medico e sanitario».

«Un’ultima considerazione riguarda il costo del terreno di GHT. Non siamo esperti immobiliari, ma 40 milioni ci sembra una cifra davvero troppo elevata – concludono Pastorino e Battistini -. Sarebbe auspicabile che Toti ci argomentasse la scelta. Perché noi siamo stati fra i pochi a sostenere che l’operazione Erzelli è soltanto un’operazione immobiliare, a maggior ragione dopo il fallimento del polo tecnologico. E con le ultime vicende appare sempre più una vera e propria speculazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News