Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 25 Aprile - ore 22.44

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Allarme del Pd: "Toti sta svendendo la sanità pubblica ligure"

Allarme del Pd: "Toti sta svendendo la sanità pubblica ligure"

Liguria - "Il modello lombardo in salsa ligure è semplice: svendere la sanità pubblica, in assenza di una programmazione rigorosa in modo che i costi più onerosi vengano scaricati sul sistema pubblico, mentre i privati saranno liberi di operare sui servizi più remunerativi, facendo grandi utili con investimenti minimi.
È questo che la Giunta Toti e Viale si apprestano a fare nella nostra Regione aprendo le porte alla privatizzazione degli ospedali (si parte da Albenga, Cairo e Bordighera). Perché un conto è se i privati suppliscono alle mancanze della rete regionale e si integrano con essa per alcune specialità d’eccellenza, un altro è vendere interi nosocomi e privatizzare servizi fondamentali. Questa non è un’integrazione, ma una sostituzione, senza alcuna garanzia per gli utenti e per i lavoratori sotto il profilo contrattuale. Se manca una programmazione rigorosa sui servizi - come manca oggi in Liguria -, i privati avranno mano libera per scegliere i settori più remunerativi su cui operare, usando personale pubblico. E anche sa la Giunta ligure mette le mani avanti parlando di controlli, è bene ricordare che uno spezzatino degli ospedali come questo richiederebbe verifiche rigorose, che di solito vengono fatte sempre a posteriori e che comunque al momento restano piuttosto deboli. Non ci risulta, poi, che Alisa abbia individuato e potenziato delle strutture dedicate a questa funzione fondamentale. Mentre ha già preparato il bando per svendere gli ospedali.
D’altra parte lo schema è chiaro e si rifà al modello Formigoni che anche in Lombardia è stato superato: si fa a pezzi il pubblico, anche ciò che funziona bene smembrando i consultori, bloccando le nuova case della salute, creando conflitti con gli enti gestori dei malati cronici e con le pubbliche assistenze, scardinando il sistema virtuoso di distribuzione diretta dei farmaci salvavita, lasciando lievitare le fughe e la mobilità sanitaria per dire che il sistema regionale, da solo, non ce la fa e quindi è meglio rivolgersi ai privati.
A questo punto ci chiediamo: posto che coloro che si prenderanno gli ospedali liguri lo faranno per avere un tornaconto economico e non per spirito caritatevole, quale sarà la loro fonte di guadagno? Risparmieranno sulla qualità delle prestazioni, sul costo del personale oppure riceveranno qualche altra contropartita?"

Gruppo Pd in Regione Liguria

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










Stagione virtualmente finita in casa Spezia, tempo di bilanci. Chi merita la conferma nel settore tecnico secondo i lettori?

































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News