Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 24 Novembre - ore 22.18

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Turni massacranti e carenze di organico, vigili del fuoco in emergenza"

I pentastellati in Regione battono i pugni sul tavolo sulla situazione dei pompieri liguri. A rischio anche il nucleo sommozzatori spezzino.

"Turni massacranti e carenze di organico, vigili del fuoco in emergenza"

Liguria - "Il passaggio di un mezzo dei Vigili del Fuoco è segno evidente che qualcuno si trova in stato di emergenza. Ma a nessuno, o quasi, viene in mente che a trovarsi in stato di emergenza in questi anni sono anche gli stessi pompieri". Parola di Marco De Ferrari, portavoce MoVimento 5 Stelle in Regione Liguria.
"Questa mattina i Vvf - prosegue - hanno manifestato davanti al consiglio regionale per avere risposte sul proprio lavoro e sul proprio futuro.
Il progetto per il riordino delle strutture centrali e territoriali ha avuto effetti devastanti sul servizio tecnico di soccorso. Prevede riduzione di personale. Dà avvio alla chiusura dei distaccamenti. Preclude ogni possibile trattativa sui numeri a livello nazionale dei vvf. Si parla di prolungamento dell'età pensionabile, ma non di rinnovo contrattuale, che non avviene dal 2008.
Gli effetti sono ben evidenti: circa 50.000 precari, che lavorano in condizioni destabilizzanti. Sono il sintomo del pompiere "usa e getta". Un processo voluto dai governi e accettato dagli amministratori del corpo dei vvf, che non dà garanzie, nè stabilizzazione.
C'è carenza di organico. L'età media sfiora addirittura i 50 anni. L'Europa ci chiede un pompiere ogni 1.500 abitanti. In Italia ce n'è uno ogni 15.000. E per come è strutturato il nostro territorio, dovremmo avere una media anche più alta di quella che ci chiede l'Europa.
I servizi sono stati esternalizzati con l'effetto della loro inevitabile diminuzione e delle spese triplicate. Risultato: mancano pure i fondi per riparare i mezzi di soccorso, molti dei quali immatricolati addirittura 25 anni fa.
La produttività del soccorso significa solo assurdità: Genova, se subisse uno o più eventi alluvionali in un anno, sarebbe considerata una città "produttiva", quindi tutti i distretti dei vvf devono rimanere aperti; mentre se capitasse l'anno in cui non ci sono alluvioni, il nostro capoluogo per il soccorso diventerebbe una città di "serie b" e si procede alla loro chiusura. Tutto questo è inaccettabile.
Il primo atto politico forte per potenziare il corpo dei vvf dovrebbe essere la stabilizzazione dei precari e il mantenimento dei distretti.
Se oggi ci sono risultati soddisfacenti nell'intervento dei vvf, è per la buona volontà di chi subisce quotidianamente turni massacranti. Durante i gravi eventi c'è chi ha lavorato anche per 25 ore consecutive. E anche questo alto senso morale e del dovere civico del personale, spesso, ha fatto accantonare i problemi del turnover e della retribuzione, che dovrebbe essere invece adeguata nei confronti di chi quotidianamente mette a repentaglio e a rischio la propria vita.
Infine, i vvf non possono essere collocati all'interno delle forze dell'ordine, ma devono essere collocati all'interno della protezione civile. Perché questo è il loro unico posto. I vvf non fanno ordine pubblico. Se lo si chiede ai cittadini, questi risponderanno ovviamente dentro la protezione civile, non dentro le forze dell'ordine. Ultimamente i vvf vengono chiamati in maniera coatta ad altre forze dell'ordine in determinate situazioni. Inamissibile: i vvf fanno un altro tipo di servizio al cittadino.
Lo smantellamento della forestale, dei vvf, della Polizia provinciale, conferma nel governo l'atteggiamento e l'approccio più speculativo possibile verso i corpi di tutela e di sicurezza. Il M5S non abbasserà la guardia, guardando anche a quello che accade alla Spezia, dove rischia la chiusura un presidio chiave come il Nucleo Sommozzatori.
I cittadini meritano un corpo dei vigili del fuoco messo nelle condizioni di garantire a loro protezione, una reale e totale protezione civile. Per questo abbiamo portato in consiglio un ordine del giorno con cui impegniamo la giunta ad attivarsi rapidamente per garantire:
- la riapertura del Nucleo Sommozzatori di La Spezia, di cui è stata disposta la chiusura e il mantenimento della sede provinciale di Savona, non convertendola in distaccamento;
- maggiore integrazione al Corpo dei vvf all'interno della riorganizzazione della Protezione Civile, per ottimizzare e coordinare le iniziative di gestione delle emergenze;
- un rafforzamento del rapporto tra Regione Liguria e il corpo dei vvf, attraverso la conferma delle funzioni di elisoccorso;
- un adeguamento degli organici alla media europea 1/1000.
Una prima risposta positiva è arrivata dal consiglio, che ha accolto in buona parte le nostre richieste, votando a favore del nostro odg. Ad eccezione del consigliere Costa (Ncd) e del Partito Democratico, che porta atti al voto in Regione contro le politiche nazionali di Renzi e non fa niente a livello di pressioni verso la stessa parte politica.
Ma, al di là delle contraddizioni politiche di alcuni, comincia timidamente a muoversi il processo di collocazione dei vvf all'interno della Protezione civile, come ha promesso oggi il governatore Toti. Ma non ci fermeremo qui, fino a quando le parole non si trasformeranno in fatti, i voti in azioni concrete".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News