Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 22 Gennaio - ore 22.59

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Più migranti, più problemi per i liguri"

`Più migranti, più problemi per i liguri`

Liguria - Il consigliere regionale del Carroccio ligure, Franco Senarega, stamane ha presentato in aula un’interrogazione sui controlli sanitari per i migranti, che arrivano nella nostra regione.

“In Italia vi è un costante flusso di migranti provenienti da Paesi a rischio anche dal punto di vista sanitario, con un massiccio flusso di persone, potenzialmente affette da malattie contagiose, che è preoccupante e comporta una continua situazione di attenzione.
La Liguria continua a subire ondate di nuovi arrivi, che stanno provocando problemi sia per la cittadinanza, sia per il nostro sistema sanitario. La tipologia degli esami ai quali vengono sottoposti i migranti, che solo per circa il 20% risultano effettivamente profughi e per l’80% sono irregolari, riguarda una mera sorveglianza sindromica, ossia uno screening per rilevare eventuali sintomi di malattie. A tutti loro è permesso di circolare liberamente e non vi è l’obbligo di sottoporsi alle cure.
Come precisato dall’assessore regionale alla Sanità Sonia Viale, che ringrazio, la situazione del sistema sanitario regionale è difficile perché c’è un forte impatto negativo, data la carenza di personale. Ora, grazie agli sforzi dell’assessorato, è stato attivato un coordinamento tra Asl e Prefettura.
Però è emerso che anche i costi della criticità di Ventimiglia sono a carico della Regione Liguria perché il governo centrale fa tanti proclami e passerelle, ma poi sul campo si disinteressa dei problemi concreti. E’ assurdo. Così come è inaccettabile che aumentino ancora i numeri dei migranti in arrivo.
Più loro aumentano, maggiori saranno i problemi per la sanità ligure e i nostri concittadini”.

Per la giunta ha risposto l’assessore alla sanità Sonia Viale che ha illustrato le misure previste rilevando «una grave lacuna delle procedure a livello nazionale» e, in particolare, la carenza di comunicazioni fra asl e prefetture ha costretto la Regione a costituire un tavolo di coordinamento e «a rimboccarsi le maniche» per affrontare l’emergenza. Viale ha spiegato che, secondo le misure adottate dalla Regione, viene effettuata una valutazione clinica: chi ha necessità di un trattamento sanitario urgente è trasportato in sicurezza all'ospedale mentre per i soggetti che non necessitano di ricovero, ma sono sottoposti a un trattamento medico, è previsto l'invio alle strutture di accoglienza con una scheda anamnestica. «Il nostro obbiettivo – ha spiegato – è mettere in sicurezza non solo le persone sottoposte a procedure di accoglienza ma anche la popolazione che si trova nelle zone limitrofe». Viale ha ricordato di avere proposto nel ruolo di vicepresidente della Commissione immigrazione che in ogni struttura di accoglienza ci sia una figura sanitaria in grado di monitorare la situazione. L’assessore, infine, ha spiegato che non è ancora possibile definire i costi degli accertamenti sanitari eseguiti sugli immigrati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure