Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 15 Settembre - ore 08.30

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Xylella, allarme Coldiretti. E Cia la bacchetta

Xylella, allarme Coldiretti. E Cia la bacchetta

Liguria - "Scoperti due casi di Xylella in Francia: massima attenzione per la notizia che genera alcune preoccupazioni al comparto olivicolo del ponente ligure che ad oggi risulta territorio indenne dal contagio. Oltre confine però occorre agire con tempestività per verificare la diffusione, procedere immediatamente all’isolamento delle piante infette e attivare tutte le misure necessarie ad evitare l’estendersi della contaminazione" È quando afferma Coldiretti Liguria in riferimento all’individuazione per la prima volta di due olivi positivi alla Xylella Fastidiosa in Francia, nel dipartimento Provenza-Alpi-Costa Azzurra, ad Antibe e Mentone, ai confini con la Liguria.

“Gli ulivi infetti oltre frontiera ci preoccupano, ma – affermano il Presidente di Coldiretti Liguria Gianluca Boeri e il delegato Confederale Bruno Rivarossa - al momento nella zona “cuscinetto” di Ventimiglia non sono stati riscontrati casi d’infezione e questo è un dato che fa ben sperare. Il settore olivicolo, che si concentra soprattutto nel ponente, è uno dei primi settori vitali dell’economia agricola regionale, che, ad esempio, per l’annata 2018 ha contato la raccolta più di 300mila quintali di olive per una produzione d’olio di circa 25mila quintali, di cui 5mila certificati DOP. Per questo, ma anche per salvaguardare un patrimonio regionale culturale, ambientale ed economico-storico che conta varietà pregiate uniche al mondo come la taggiasca, bisogna fare tutto il possibile per evitare il contagio.
Serve una strategia condivisa – concludono Boeri e Rivarossa - tra enti regionali, nazionali e comunitari per fermare la malattia, dal momento che, per effetto dei cambiamenti climatici e della globalizzazione, purtroppo si moltiplica l’arrivo di materiale vegetale infetto e parassiti vari che provocano stragi nelle coltivazioni. Per questo serve un cambio di passo nelle misure di prevenzione e di intervento sia a livello comunitario che nazionale anche con l’avvio di una apposita task force”.

"Il presidente di Coldiretti sembra ignorare due aspetti - sottolinea Aldo Alberto, presidente di Cia Liguria e presidente nazionale dell'Associazione Florovivaisti italiani - . La Regione Liguria continua a fare regolari controlli con verifiche mirate e non c'è nessuna segnale per creare false preoccupazioni. Inoltre dare spazio a questi timori significa rischiare di travolgere interi settori del florovivaismo che vivono di export dove è molto più difficile spiegare che la situazione è sotto controllo. Ci auguriamo che, proprio chi ha ruoli di responsabilità nel settore agricolo, mantenga posizioni equilibrate e soprattutto contestualizzate alle diverse realtà territoriali".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News