Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 21 Novembre - ore 19.49

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Pesca del pesce spada, Briano: “La definizione delle quote rischia di penalizzare fortemente i pescatori italiani”.

Pesca del pesce spada, Briano: “La definizione delle quote rischia di penalizzare fortemente i pescatori italiani”.

Liguria - “In concomitanza con i negoziati in ambito europeo per la definizione delle quote di pesce spada da destinare ai singoli Stati membri ho ritenuto importante presentare un’interrogazione urgente alla Commissione europea per chiedere se sia vero che nel conteggio delle catture medie saranno presi in considerazione gli anni 2012-2014 e non gli anni 2010-2014 utilizzati, invece, come riferimento per l’individuazione delle quote in sede ICCAT tra l’Europa e i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo”. Così l’europarlamentare e vice presidente della Commissione Pesca del Parlamento europeo, Renata Briano.

Durante il 20° meeting dell’ICCAT svoltosi dal 14 al 21 novembre 2016 è stata adottata una raccomandazione che istituisce un piano pluriennale di ricostruzione dello stock di pesce spada del Mediterraneo. E’ stato introdotto un sistema di quote che prevede una riduzione annuale del 3% dal 2018 al 2022.
Il gruppo di lavoro ICCAT ha poi riconosciuto all’UE il 70,75% della quota complessiva relativa al 2017 (10.500 tonnellate), sulla base delle catture medie registrate negli anni 2010-1014.
In seguito si sono aperti in ambito europeo i negoziati per la definizione delle quote da destinare ai singoli Stati membri.

“Il biennio 2010-2011 è stato per L’Italia il periodo più positivo nella pesca del pesce spada – ha aggiunto Renata Briano -, quindi la modifica della serie storica apporterebbe un danno non indifferente per i pescatori italiani che si ritroverebbero con un quantitativo di pesca insufficiente. Non si capisce perché in sede ICCAT vengano presi in considerazione determinati anni, mentre in sede europea altri. Lo trovo ingiusto e incomprensibile”. Infatti, se verranno confermati questi numeri, all’Italia spetteranno 3.700 tonnellate, ossia oltre 500 tonnellate in meno rispetto alla quota legittimamente attesa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure