Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 02 Luglio - ore 22.24

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

La Liguria perde 3mila occupati solo nel primo trimestre del 2020

industria la più colpita
La Liguria perde 3mila occupati solo nel primo trimestre del 2020

Liguria - Questa mattina sono stati diffusi i dati (fonte: ISTAT) sull’occupazione in Liguria nel 1° trimestre 2020; Marco De Silva, Responsabile dell’Ufficio Economico CGIL Liguria analizza i dati appena pubblicati e, come era facile prevedere, i segnali non sono positivi.
“In Liguria gli occupati stimati dall’ISTAT nel periodo tra gennaio e marzo di quest’anno sono stati 592.619 in calo di 3.502 unità (pari al -0,6%) rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente. Evidentemente non siamo ancora entrati nella fase più acuta di sofferenza occupazionale che, per la Liguria, è iniziata solo dal mese di marzo, mese in cui le assunzioni sono calate di oltre il 40% rispetto all’anno precedente; il prossimo trimestre con tutta probabilità sarà estremamente critico per l’occupazione ligure.
Le forze di lavoro (occupati+disoccupati) in Liguria calano di 16.776 unità (-2,48% sul 1°T.2019) frutto del calo congiunto degli occupati (-3.502) e dei disoccupati (-12.274) che si attestano a quota 66.786 contro gli 80.060 dell’anno precedente; come già visto a livello nazionale, crescono in maniera corrispondente gli inattivi che raggiungono le 289.691 unità (+11.863/+4,3%).

Esiste una forte concentrazione nel calo degli occupati: maschi, indipendenti e nell’industria anche se il settore più colpito è l’industria in senso stretto e tra i dipendenti che perdono oltre 14mila occupati. In estrema sintesi questo è quanto emerge da una prima analisi dei dati:
Ø  Per sesso: calano i maschi dell’1,76% (-5.895 occupati) mentre aumentano le femmine dello 0,92% (+2.393 occupate).
Ø  Per condizione professionale: calano gli occupati indipendenti del 4,96% (-7.719) mentre crescono i dipendenti dello 0,96%(+4.217).
Ø  Per settore produttivo: aumenta ancora l’occupazione nell’Agricoltura, Silvicoltura e Pesca del 18,2% (+2.027) e nei Servizi +2,1% (+9.749 occupati); calo notevole nell’ Industria che perde ben 15.277 occupati (-12,5%).
Ø  Per comparto: INDUSTRIA:  crollo nell’Industria in senso stretto (manifatturiero) -19,4% (-16.938 occupati) mentre recuperano le Costruzioni: +1.661 occupati (+4,7%)
§     SERVIZI: nel Commercio-Alberghi-Ristoranti calo del 2,94% (-3.842 occupati) mentre nelle Altre Attività dei Servizi si segnala una crescita del 4,1% (+13.591 occupati).

Stabile infine il tasso di occupazione al 61,7% come l’anno scorso (dovuto anche al calo della popolazione di riferimento) mentre il tasso di disoccupazione scende al 10,1% (-1,7 p.p.); in forte aumento il tasso di inattività al 31,2% (+1,4 p.p.)”. “I dati del primo trimestre confermano tutte le nostre preoccupazioni per gli effetti dell’emergenza sanitaria sul piano occupazionale – commenta Federico Vesigna, Segretario Generale CGIL Liguria - Purtroppo siamo solo all’inizio visto che il lockdown è partito a mese di marzo inoltrato e fortunatamente il massiccio e generalizzato ricorso agli ammortizzatori sociali è riuscito ad evitare il peggio.
Sarà a partire dal secondo trimestre che si misurerà il reale impatto sull’occupazione, con tutte le difficoltà che stiamo registrando nella ripresa proprio a partire da settori particolarmente sensibili ed esposti come quelli del turismo e del commercio.
Per questo – conclude Vesigna - mentre continuiamo a chiedere ammortizzatori sociali per tutti perché nessuno resti in mezzo ad una strada, bisogna provare a costruire le condizioni per recuperare il terreno perso; per la Liguria la strada è quella della riprogrammazione, urgente e necessaria, dei Fondi Europei che può e deve essere l’occasione giusta per liberare risorse importanti per aiutare lo sviluppo e sostenere il reddito dei lavoratori e le attività delle imprese”

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Contagi e vittime sono in calo da tempo in Italia e i numeri del Covid sono quelli che si registravano a febbraio nei primissimi giorni della futura pandemia. Voi quali sensazioni avete oggi?











Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News