Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 05 Giugno - ore 22.04

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Il Covid-19 svuota le casse del Tpl: "A rischio stipendi dipendenti"

Il Covid-19 svuota le casse del Tpl: "A rischio stipendi dipendenti"

Liguria - L’emergenza coronavirus ha drasticamente ridotto gli spostamenti di pendolari e turisti con un conseguente calo dell’afflusso passeggeri su autobus e treni. "Una delle conseguenze del minor introito da vendita di biglietti e abbonamenti è la pesante diminuzione della liquidità delle aziende di trasporto che presto potrebbero avere seri problemi a pagare gli stipendi ai dipendenti", sottolineano unitariamente le tre principali forze sindacali.

“In queste settimane stiamo cercando di attivare tutti gli strumenti previsti dalla normativa per salvare il reddito dei lavoratori - dichiarano i segretari Generali di Filt Cgil Fit Cisl Uiltrasporti Laura Andrei, Mauro Scognamillo, Roberto Gulli – il rischio è che oggi le risorse stanziate per gli ammortizzatori sociali non siano sufficienti rispetto alle domande, e che i lavoratori rimangano scoperti”.

"La situazione - proseguono - è grave anche negli appalti. Il settore ferroviario, ad esempio, ha azzerato servizi come le pulizie su intercity e frecce e pertanto è necessario pensare a misure che mitighino la perdita di salario ai lavoratori impegnati in questi servizi. A pagare maggiormente sono sempre loro, l’anello debole della catena, e bisogna sapere che molte aziende rifiutano di anticipare la cassa integrazione mettendo in seria difficoltà tante famiglie. Altrettanto complicata, nonostante la Regione abbia deciso di anticipare alle aziende le risorse di propria competenza, la situazione nel trasporto pubblico locale dove il crollo dei passeggeri sui bus sta determinando pesanti condizioni di incertezza sul pagamento dei prossimi stipendi. Contestualmente, l'emendamento al "cura Italia" approvato in Senato per sostenere i contratti di servizio di trasporto pubblico, purtroppo non individua soluzioni per i servizi intercity a medio e lunga percorrenza, che in Liguria impiegano centinaia di lavoratori".

"A livello locale e nazionale continua il lavoro incessante di Filt Cgil Fit Cisl Uiltrasporti a tutela dei lavoratori del comparto che comunque, anche in questa situazione estremamente difficile, continuano a garantire il diritto alla mobilità agli utenti. Alla Regione Liguria, alle Aziende e al Governo i sindacati chiedono le risorse per garantire il reddito dei lavoratori e quelle utili alla ripresa poiché è già oggi evidente che l’imposizione di maggiori distanziamenti sui mezzi di trasporto comporterà la messa in campo di nuovi elementi organizzativi che non possono che determinare ulteriori costi", conclude la nota.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









VIDEOGALLERY

















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News