Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 26 Novembre - ore 22.12

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Partite Iva”, il calo è significativo: in Liguria -7,4% in nove mesi

Dal report di Bankitalia emerge che nella stagione estiva i flussi turistici sono diminuiti di circa un terzo, a causa delle minori presenze sia italiane (-15,4%), sia soprattutto straniere (-62%).

lockdown
"Partite Iva”, il calo è significativo: in Liguria -7,4% in nove mesi

Liguria - A pagare il prezzo più alto della crisi provocata dalla pandemia di coronavirus sono stati i lavoratori autonomi, calati del 7,4% nei primi sei mesi del 2020. È quanto rileva l’aggiornamento congiunturale sull’economia della Liguria elaborato da Bankitalia su dati Istat. Il calo complessivo degli occupati da gennaio a giugno si attesa al 2,4% e nel frattempo sono diminuite drasticamente anche le persone in cerca di occupazione, meno 20,7%.
Cifre che confermano l’impatto devastante del primo lockdown e che non tengono ancora conto delle chiusure scattate nelle ultime settimane. La finestra sui primi nove mesi del 2020 restituisce uno scenario preoccupante: nell’industria il calo di fatturato segna oltre il 60% per le imprese con almeno venti addetti, le vendite sono crollate almeno del 15% per un quinto delle aziende, mentre nel terziario circa un’impresa su tre ha accusato un calo del 15% o superiore.

Se i lavoratori autonomi subiscono una netta contrazione, il lavoro dipendente resta sostanzialmente stabile (meno 0,4%) grazie a misure come l’estensione della cassa integrazione (66 milioni di ore autorizzate tra gennaio e settembre compresi i fondi di solidarietà, oltre dieci volte tanto rispetto al 2019) e il blocco dei licenziamenti.

Andando a vedere i settori che hanno attinto di più alla cassa integrazione si notano le industrie (21,8 milioni di ore) e in particolare quelle meccaniche (14,5 milioni) ma anche commercio e servizi vari (11,4 milioni), l’edilizia (4,4 milioni) e i trasporti (4 milioni). Pessimo il bilancio del turismo: nella stagione estiva i flussi turistici sono diminuiti di circa un terzo, a causa delle minori presenze sia italiane (-15,4%), sia soprattutto straniere (-62%). I transiti crocieristici si sono pressoché azzerati. La ristorazione, il commercio al dettaglio e l’intermediazione immobiliare hanno risentito dell’atteggiamento prudente assunto dalle famiglie nelle decisioni di spesa e di investimento. La scarsa domanda di beni di consumo, determinata da un’economia complessivamente più debole, ha anche ridotto la movimentazione delle merci nei porti (meno 17,1% nei primi otto mesi). Tra gennaio e giugno a Genova il traffico container è diminuito del 13,8%, quello di passeggeri si è ridotto del 72,8%.

Inevitabili i rilessi sulla salute delle imprese: la quota di aziende in utile si è ridotta a circa due terzi (era l’80% nel 2019) e di conseguenza è aumentata la richiesta di prestiti bancari. Aumentano anche i prestiti concessi alle famiglie: a marzo, rispetto al 2019, si è registrato un incremento del 6,3% per le banche e del 4,9% per le società finanziarie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News