Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 19 Febbraio - ore 22.40

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Meno messaggini, più rose"

Le sole aziende floricole liguri hanno generato, nel 2017, una produzione pari all’ 1,7 % del totale italiano.

oggi è SAN VALENTINO
"Meno messaggini, più rose"

Liguria - Anche quest’anno, nella giornata di San Valentino, l’Italia intera pare riscoprire il “valore” delle rose. Confagricoltura Liguria prova a tracciare l’identikit del “regalo perfetto” a partire dal colore e dai significati storicamente connessi con questo sempre eterno regalo. "Se si vuole seguire la tradizione - precisa nella sua nota Confagricoltura Liguria - sappiate che – se si tratta di un amore a prima vista – dovete regalare solo una rosa. Se, invece, volete comunicare che, per voi, la vostra storia è quella della vita dovete regalarne nove. Dieci rose indicano la perfezione, 11 che 'sei l’unico tesoro al mondo che ho', 12 che non volete mai essere abbandonati e 13 che la vostra è una folle passione segreta. Salendo ancora di numero, con 15 rose chiederete scusa per i vostri errori, 20 indicano un amore sincero, 33 uno davvero profondo e 100 parlano di una totale devozione”. Se si vuole proprio rispettare le regole del bon ton, è meglio scegliere un numero dispari.

Quanto costa una rosa a San Valentino? “Ovviamente - precisa Confagricoltura Liguria - a seconda di quante ne comprerete il loro prezzo salirà. Tenete comunque conto di un paio di punti di riferimento: una rosa costa minimo 5 euro e un mazzo di dieci rose viene sui 45-50 euro. Se ci aggiungete la consegna, dovete stimare un budget di almeno 70-100 euro".

Di che colore regalare le rose a San Valentino? "Amore, passione, gelosia - continua la nota di Confagricoltura Liguria - : questo comunicano i diversi colori delle rose. Quindi regalate quelle del colore giusto in base al messaggio che volete consegnare al vostro partner". "Regalare rose rosse - precisa il presidente ligure di Confagricoltura, Luca De Michelis - è davvero un classico e il significato è molto semplice: amore vero, passionale e profondo. Se invece le invierete gialle vorrà dire che siete gelose, arancione se volete dare energia al vostro rapporto; con una rosa bianca indicherete la vostra lealtà e con quella rosa, invece, felicità e ammirazione. Con una rosa porpora, infine, prometterete amore eterno”. “Il messaggio di Confagricoltura Liguria - chiude Luca De Michelis - è anche in un certo senso ‘provocatorio’: auspichiamo, infatti, che almeno oggi gli innamorati, cui va il nostro augurio, si scambino meno messaggini e più rose!”

Il valore delle produzioni florovivaistiche italiane rappresenta oltre il 5% (in contrazione in seguito alla crisi economica) della produzione agricola totale e deriva per il 50% dai comparti fiori e piante in vaso mentre, il restante 50% da piante, alberi e arbusti destinati al vivaismo. Secondo i dati dell’ultimo Censimento Istat sono circa 14 mila le aziende di produzione che si dedicano ai fiori e piante in vaso e quasi 1.000 quelle attive nella produzione di rose; la dimensione media e` decisamente piu` elevata nel caso del vivaismo (2,1 ettari contro 0,9 ettari di quella di fiori e piante in vaso). La superficie agricola destinata complessivamente al settore, quasi 29 mila ettari, e` investita, per almeno il 70%, a piante in vaso e vivaismo. Un settore che vale complessivamente oltre 2,5 miliardi di euro e con 100mila addetti in 27mila aziende. A completamento del quadro statistico del settore, si evidenzia il dato degli addetti operanti nel comparto florovivaistico nazionale, ammontante a circa 120.000 unità, di cui circa 37.000 appartenenti alla cura e manutenzione del paesaggio.

In Italia, secondo le ultime stime Ismea, si sono prodotte nel 2017 ben 3.154 milioni di steli di fiori e che valgono, in termini di produzione 1.202 milioni di euro, generando un export di 133 milioni di euro per i fiori ed il fogliame.
La spesa annua delle famiglie italiane è di 2.035 milioni pari a 42,9 euro pro capite. Il tutto distribuito da 16.665 negozi di fiori e piante, per 27.575 addetti, un vero comparto economico, fiore all’occhiello del nostro Paese. Nel triennio 2014/2017, in Liguria, crescono i fiori recisi in serra con un aumento pari al 4,73 %, cui corrisponde un calo vistoso dei fiori recisi in piena aria (-31,32 %). Ad Imperia c’è l’ 84,11 % della produzione di fiori recisi in serra e il 93,40 % dei fiori recisi prodotti in piena aria. Le sole aziende floricole liguri hanno generato, nel 2017, una produzione pari all’ 1,7 % del totale italiano. In Liguria sono stati prodotti, nel solo 2016, secondo l’annuario statistico di Unioncamere 5.756.968 fiori recisi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News