Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 23 Gennaio - ore 22.22

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Spese pazze, i giudici: "Gestione 'opaca' e incontrollata"

Pubblicate le motivazioni della sentenza: 700 pagine che condannano 19 consiglieri e un sistema generalizzato: "I tentativi di fare passare come spese collegate alle iniziative del gruppo consiliare sono risultati vani, oltre che imbarazzanti".

Spese pazze, i giudici: "Gestione 'opaca' e incontrollata"

Liguria - Una gestione "opaca" con modalità confuse dei rimborsi elettorali attraverso documentazione "che nessuno controllava ma che confluiva nei rendiconti annuali". E' quanto scrivono, stando a ciò che riporta l'Ansa, i giudici del tribunale di Genova nelle oltre 700 pagine di motivazioni della sentenza con cui hanno condannato i 19 ex consiglieri regionali della Liguria accusati di peculato nell'ambito del processo per le spese pazze in Regione nella legislatura 2005-2010.

I magistrati sottolineano come le centinaia di "pezze giustificative" contestate non possano essere considerate spese attinenti all'attività politica. Si va dai libri, ai cd, fiori e vestiti, passando per gli alberghi di lusso nelle località sciistiche e trattamenti di bellezza e i videogiochi, oltre che i rimborsi per i viaggi e i taxi usati in città o i parcheggi a pagamento. "I tentativi di fare passare come spese collegate alle iniziative del gruppo consiliare sono risultati vani, oltre che imbarazzanti", si legge. "In dibattimento si è tentato - sottolineano - di fare rientrare tali spese tra quelle collegate ai lavori del consiglio regionale sulla base degli interessi dei singoli consiglieri particolarmente 'attenti' ad argomenti trattati in zone turistiche della montagna francese o italiana... come se lo studio dei lupi del Mercantour o delle costruzioni di Livigno o delle aree verdi di Casei Gerola con la relativa migrazione di uccelli dovessero essere considerate missioni".

Il consiglio regionale della legislatura 2005-2010 era a guida centrosinistra con Claudio Burlando presidente. Le persone condannate abbracciano tutti i partiti: Michele Boffa (Pd) 19 mesi e dieci giorni, Ezio Chiesa (Pd) 17 mesi e dieci giorni, Luigi Cola (Pd) 20 mesi, Giacomo Conti (Rifondazione) 19 mesi, Gino Garibaldi (Forza Italia) 20 mesi, Antonino Miceli (Pd) 17 mesi e dieci giorni, Cristina Morelli (Verdi) due anni, Luigi Morgillo (Fi) 18 mesi e dieci giorni, Minella Mosca (Pd) 14 mesi, Vincenzo Nesci (Rifondazione) due anni, Pietro Oliva (Fi) 18 mesi e dieci giorni, Franco Orsi (Fi) 18 mesi e dieci giorni, Gianni Plinio (Alleanza Nazionale) 13 mesi e venti giorni, Matteo Rosso (Fi) 13 mesi, Gabriele Saldo (Fi) 16 mesi, Alessio Saso (Fi) 23 mesi, Carlo Vasconi (Verdi) 16 mesi, Moreno Veschi 13 mesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News