Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 18 Ottobre - ore 16.43

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Ponte Morandi: recuperata un'auto con i resti di un'intera famiglia

Il numero dei morti sale a 41, il veicolo era schiacciato sotto un blocco di cemento. Prima ipotesi sull'accaduta: "Colpa della rottura degli stralli".

SCOPERTA NELLA NOTTE
Ponte Morandi: recuperata un'auto con i resti di un'intera famiglia

Liguria - Salgono a 41 le vittime del crollo di ponte Morandi: i vigili del fuoco hanno recuperato l’auto su cui viaggiava una famiglia ceca composta da mamma, papà e una bimba di 9 anni. Il veicolo è stato individuato nella notte, completamente schiacciata, sotto un grosso blocco di cemento che faceva parte del pilone della struttura crollato nei pressi dell'argine sinistro del Polcevera.

Intanto la commissione d'inchiesta del Ministero dei Trasporti punta il dito contro gli stralli: potrebbe essere stata, infatti, la rottura di uno di questi giganteschi tiranti a causare il crollo del ponte Morandi. Anche il professor Antonio Brencich - docente di ingegneria dell'Università di Genova e membro della commissione - ha avvalorato questa ipotesi, affermando che «"gira voce" che il collasso sarebbe stato attivato dalla rottura di uno strallo», ma in questo contesto si può più che altro parlare di un'ipotesi «più seria rispetto a quelle che parlavano di fulmini, eccesso di carico o altro». Quando si parla di "stralli" si fa di norma riferimento ai tiranti trasversali - in cemento armato precompresso con un'anima di cavi d'accaio - la cui funzione è sostanzialmente quella di rinforzare la tenuta del ponte. In questo contesto specifico, pare che un testimone abbia visto saltare lo strallo ancorato al pilone numero 9, cosa che avrebbe causato il cedimento della parte centrale del viadotto. Al momento sono in corso gli accertamenti del caso, ma - come ha fatto notare anche il professor Brencich - «già al momento della costruzione della struttura i criteri utilizzati non hanno tenuto conto dei cosiddetti "eventi eccezionali". La rottura di uno strallo è uno di questi, ma - anche nel caso in cui venisse riscontrato che la causa del crollo sia stata effettivamente questa - è evidente che la torre di sostegno non deve crollare: se si rompe uno strallo può crollare un pezzo di ponte, certo, ma la torre deve rimanere in piedi. Qua, invece, è crollata».

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News