Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 19 Ottobre - ore 09.41

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Olio in mare, si proverà a dividere le due navi

Uno squarcio sullo scafo della CSL Virginia ha causato una perdita di carburante. Sul posto mezzi di Italia e Francia cercano di contenere la chiazza. Oggi previsto un tentativo di liberare il cargo.

emergenza inquinamento
Olio in mare, si proverà a dividere le due navi

Liguria - La chiazza di carburante fuoriuscito dalla CSL Virginia si muove verso il mare aperto, in direzione opposta rispetto alle coste della Corsica. E' questo l'ultimo bollettino emanato dalla Prefettura marittima di Tolone sulle conseguenze della collisione tra la nave ro-ro Ulisse della compagnia di navigazione di stato della Tunisia e la portacontainer di bandiera cipriota, avvenuto domenica mattina attorno alle 7.30 (qui l'articolo). La prima ha centrato sulla murata di dritta il cargo, lungo circa 300 metri, rimanendo incastrata e provocando uno sversamento di olio combustibile in mare.

I primi accertamenti sulle condizioni degli equipaggi - non ci sono feriti - e sulla minaccia per l'ambiente marino sono stati effettuati da un elicotter NH90 della Gendarmeria francese e in seguito da un team di esperti della Marina nazionale francese che sono saliti a bordo della CSL Virginia nelle ore successive. La Guardia costiera italiana, coinvolta nei soccorsi dall prime ore, stima siano stati dispersi in mare 600 metri cubi di olio combustibile. Ieri sera la chiazza era lunga circa 4 chilometri per alcune centinaia di metri.

Unità attrezzate per il contenimento dell'inquinamento sono partite da Villefranche-sur-mer (Abeille Flandre) e Tolone (Jason e Ailette). Nello stesso tempo, seguendo accordi internazionali presi proprio per fronteggiare questo tipo di situazioni, anche dall'Italia sono salpati alcuni mezzi: Nos Taurus da Livorno, Bonassola da Genova e Koral dalla Sardegna. La zona del sinistro è sorvolata di un aereo ATR42 della Guardia Costiera e nell'area è stato disposto l'invio della motovedetta CP 409 della Capitaneria di porto di Livorno.

Questa mattina sono ricominciate le operazioni per stendere un perimetro di barriere antinquinamento attorno alle navi incidentate in modo da contenere gli sversamenti che potrebbero continuare nelle prossime ore. La via d'acqua sulla portacontainer è infatti ancora aperta e lo sarà finché non si riuscirà a disincagliare la prua della Ulisse dal fianco di dritta della CSL Virginia. Questa delicata operazione è prevista per oggi. La speranza di tutti è che il meteo continui ad essere buono come nelle scorse ore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News