Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 06 Giugno - ore 21.21

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Coronavirus, scuole verso riapertura: "Il caso spezzino non ha creato focolai"

Al termine di una riunione con il premier Giuseppe Conte arrivano le dichiarazioni del presidente di Regione Liguria Toti. "Restrizioni solo per la provincia di Savona".

SORVEGLIANZA ATTIVA PER "COMITIVA CODOGNO"

Liguria - Terminata la videoconferenza con il premier Giuseppe Conte e i rappresentati delle altre regioni il Presidente di Regione Liguria Giovanni Toti è intervenuto in sala Trasparenza per un aggiornamento sulla situazione in Liguria. "Abbiamo appena finito una lunga riunione con Conte, Borrelli i ministri di competenza e i presidenti delle regioni interessate. Di base i provvedimenti che saranno presi per il Paese da domani saranno dentro un DPCM unico. Noi abbiamo condiviso con nostro comitato tecnico specifico accorgimenti solo per la provincia di Savona." - afferma il presidente Giovanni Toti - "Abbiamo ancora qualche ora di lavoro su quel testo, ma la provincia di Savona vedrà ancora applicate delle limitazioni che oggi valgono per la Liguria. Chiusura di scuole e teatri, per le altre province si tornerà ad aree simili a quelle delle altre regioni, escluse Lombardia, Emilia Romagna e Veneto. Questo alla luce degli ultimi dati di questa mattina ovvero il fatto che la provincia di Savona, tra trasferiti e ricoverati, ha raggiunto quasi la cinquantina di casi di contagio. Vero e proprio cluster di contagio in zona Alassio. In città metropolitana di Genova zero i casi tracciati. La Spezia solo quel caso che non ha creato focolai. In provincia di Imperia un solo caso che proviene dalla zona lombarda di contagio, ma si sta curando in casa sua. Insomma l'unica provincia su cui bisogna mantenere stretta sorveglianza è la provincia di Savona."

Il presidente entra poi nello specifico per quanto riguarda il caso di Alassio: "Oggi partiranno altri piemontesi e lombardi e domani sera la cosiddetta "Comitiva di Codogno" sarà riaccompagnata alla propria abitazione sotto sorveglianza attiva. Sei piemontesi ancora in attesa del risultato del tampone partiranno comunque con esito positivo e negativo. Tutti entro domani sera saranno fuori dagli hotel di Alassio. Per quanto concerne i dipendenti dell'hotel potranno rientrare alle loro abitazioni in quarantena. Chi non potrà rientrarvi osserverà la quarantena dentro la struttura alberghiera". Terminato l'intervento del governatore è l'assessore Regionale Sonia Viale a prendere brevemente la parola specificando alcuni punti: "C'è stata attività intensa da parte della task force ligure per organizzare risposte di cui c'è bisogno. Abbiamo dimestichezza con quello che ci dicono i nostri scienziati e per questo c'è bisogno di rete ospedaliera importante per accogliere tutti coloro che avranno complicazioni. Vi saranno 25 posti aggiuntivi nel nostro territorio."

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









VIDEOGALLERY

















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News