Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 06 Dicembre - ore 15.05

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Oltre 1.000 interventi per Iclas, centro d’eccellenza per il trattamento del piede diabetico

Oltre 1.000 interventi per Iclas, centro d’eccellenza per il trattamento del piede diabetico
Liguria - Entro il 2030, a livello mondiale, saranno più di 500 milioni i malati di diabete. In Liguria, secondo i dati del Servizio epidemiologico della Regione, nel 2015 erano 92 mila i malati di diabete. E la complicanza più temibile della malattia diabetica è quella comunemente definita piede diabetico. Il diabete, infatti, può causare la stenosi (restringimento) o occlusione delle arterie degli arti inferiori riducendo in modo critico l'apporto di sangue e ossigeno alle estremità. Se non si dovesse intervenire la conseguenza è' il continuo peggioramento del quadro clinico che può arrivare fino all'amputazione, più o meno estesa, dell'arto malato.

"Il termine piede diabetico – spiega il Dottor Paolo Pantaleo, cardiologo specialista in Interventistica Cardiovascolare di ICLAS (Rapallo), ospedale ad Alta Specialità di GVM Care & Research - indica la patologia polimorfa (che ha e può assumere aspetti diversi) a carico del piede nei pazienti affetti da diabete mellito e riconosce quali fattori d’origine la polineuropatia periferica (la sofferenza delle fibre nervose), l’arteriopatia periferica (malattia delle arterie) e le infezioni. Fattori che possono agire singolarmente oppure coesistere”.

Con l’aumento della sopravvivenza dei pazienti diabetici e l’incremento dell’età media della popolazione generale, il piede diabetico è divenuta la complicanza tardiva del diabete mellito a maggior rilevanza dal punto di vista sociale ed economico: richiede lunghi periodi di cure





ambulatoriali, ripetuti ricoveri in ospedale e, non di rado, coincide con l’impossibilità a salvare l’arto.

“Il nostro primo obiettivo – dice il Dottor Paolo Pantaleo - è ripristinare un adeguato flusso di sangue agli arti inferiori nelle persone colpite dalla patologia; quindi procedere al salvataggio dell’arto o, dove comunque imprescindibile, limitare al massimo le parti soggette a chirurgia, tenendo conto di come esista una correlazione diretta tra l’estensione della porzione amputata e la mortalità a medio termine. Ciò avviene tramite il lavoro di una équipe multidisciplinare, organizzata tra specialisti di diverse aree: diabetologi, cardiologi, chirurghi vascolari, vulnologi, ortopedici, fisioterapisti”.

ICLAS da oltre 10 anni si occupa di rivascolarizzazione periferica percutanea e dal 2008 ha strutturato un percorso terapeutico specifico rivolto ai pazienti affetti da piede diabetico. Negli ultimi 6 anni – ricorrendo all’angioplastica prossimale e/o distale in anestesia locale - sono state eseguite oltre 1.000 procedure di rivascolarizzazione d’arto (esito positivo pari al 92%).

“I vasi trattati con questa metodica – commenta il Dottor Paolo Pantaleo - comprendono sia l’arteria iliaca, poco sopra l’inguine, sia l’arteria poplitea, poco sopra l’articolazione del ginocchio. L’angioplastica, vale a dire la riperfusione sanguigna con catetere e palloncino, può essere integrata dall’applicazione di stent - piccole protesi in lega metallica - rilasciati nel punto in cui l’arteria si era ristretta onde evitare la recidiva del problema. La procedura, non chirurgica, è ben tollerata: si attua pungendo un’arteria a livello del bacino o, in alcuni casi, del polso o del gomito; da lì si arriva, grazie a dispositivi miniaturizzati, fino alla stenosi da curare. La vera sfida è però rappresentata dalle lesioni sotto il ginocchio, principali responsabili della patologia da piede diabetico, considerate a maggior complessità interventistica: se particolarmente estese - a tal punto da coinvolgere tutti e tre i vasi sanguigni della gamba -, richiedono tempi tecnici più lunghi e necessitano di approcci vascolari ed expertise dedicati”.

Prima dell’angioplastica occorrono indagini diagnostiche di supporto. Per ridurre la degenza ospedaliera, quando le condizioni lo permettono, il ricovero è programmato il giorno precedente l’arteriografia (lo studio dei vasi ammalati). I pazienti con problematiche renali lievi o moderate vengono sottoposti a idratazione e a protocolli utili ad evitare i possibili effetti avversi del mezzo di contrasto. ICLAS è uno dei pochi Centri in Italia in cui l’arteriografia è effettuabile tramite una tecnica riservata a chi soffre di un’insufficienza renale piuttosto avanzata: invece d’iniettare il liquido di contrasto allo iodio (che si opacizza sotto i raggi x), si utilizza un gas, anidride carbonica. Una volta in circolo, l’anidride carbonica si lega al sangue ed è il ferro contenuto nei globuli rossi a comporre l’immagine digitale. L’anidride carbonica è poi espulsa dai polmoni attraverso la respirazione.
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure