Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 21 Settembre - ore 12.38

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

L'ultima bufala arriva dalla Toscana: trappole per lupi

L'ultima bufala arriva dalla Toscana: trappole per lupi

Liguria - Il Ministero dell’Ambiente non ha autorizzato la dislocazione di trappole per lupi né all’Argentario né altrove. La notizia apparsa su alcuni organi di stampa è totalmente priva di fondamento. Come si può agevolmente comprendere dallo scambio di lettere la regione Toscana, a seguito della richiesta del Sindaco di Porto Ercole, ha richiesto il 13 marzo l’autorizzazione a catturare i canidi che stanno creando allarme nel centro di Porto Ercole. Si discute quindi di uno o più cani randagi. La richiesta prevede l’uso di trappole a cassetta prevedendo la “idonea destinazione” nel caso di cattura di un cane, il trasferimento in apposita struttura autorizzata di eventuali ibridi catturati e l’immediato rilascio di lupi che finissero nelle trappole.

Il 26 marzo l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) ha rilasciato parere favorevole, in quanto le trappole previste hanno probabilità pressoché nulle di catturare un lupo e fornendo indicazioni per il corretto svolgimento delle operazioni, limitando sofferenze e stress agli animali e, in tale contesto e coerentemente con il dettato della L. 281/91, ha ritenuto valutabile dal punto di vista tecnico la soppressione eutanasica di eventuali ibridi.

Fin qui i fatti. Il Ministero non si è espresso sulla questione perché la cattura dei cani randagi non è non è soggetta ad autorizzazione ministeriale. Non è comunque prevista la cattura di lupi, a meno di casi fortuiti in cui gli individui verranno immediatamente rilasciati, eventualità già espressamente prevista nella lettera della Regione Toscana.
In ogni caso, data la diffusione di notizie prive di fondamento, oggi il Ministero ha trasmesso alla Regione Toscana e al Comune di Monte Argentario una lettera in cui si evidenzia che “la fattispecie sottoposta all’esame”, cioè i cani randagi, “non è soggetta ad autorizzazione”, da parte del ministero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News