Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 29 Maggio - ore 21.00

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Impennate improvvise di casi positivi, diamo i numeri

In pochi giorni i contagi in Liguria sono aumentati esponenzialmente. Come si spiegano percentuali che sfiorano il 200 per cento? E secondo il ministero l'89 per cento dei letti in Terapia intensiva presenti negli ospedali regionali è occupato.

Nei dati della Protezione civile

Liguria - Crescono ancora i numeri dei contagiati in Liguria riportati dalla Protezione civile nazionale. Non tanto nella giornata di oggi, dove anzi si è assistito a un brusco rallentamento, quanto nell'arco degli ultimi giorni, con numeri che, a prima vista, fanno venire i brividi.
Più 78 per cento tra giovedì scorso e ieri nella provincia spezzina, passata da 250 a 445 (oggi 450); più 66,8 per cento in quella di Genova, passata dai 1.153 casi del 2 aprile ai 1.924 di ieri (oggi 2.002); più 166,4 per cento nell'Imperiese, dove si è assistito alla crescita dai 220 di giovedì scorso ai 586 di domenica (oggi 592); addirittura più 199,6 per cento nel Savonese, passato in tre giorni da 245 a 734 (scesi oggi a 695, in maniera piuttosto incomprensibile).
Numeri freddi, che non vengono accompagnati da spiegazioni puntuali e che dunque chiunque può di fatto interpretare a modo suo, avvicinandosi o rimanendo ben distante dalla verità.

Le fonti regionali spiegano l'improvviso aumento esponenziale con l'aumento del numero di tamponi, mentre c'è chi sostiene che si tratti della parziale soluzione del problema dei tamponi andati persi a decine e decine. Una teoria che potrebbe trovare conferma nell'arrivo in provincia dei risultati di test effettuati tra il 19 e il 20 marzo: 18 giorni dopo, ben oltre il periodo di incubazione di 14 giorni considerato da Oms e Iss.
Un'impennata circoscritta alla provincia spezzina tra giovedì e venerdì, seguita da numeri contenuti nella giornata di sabato. Poi, ieri, i numeri della Protezione civile nazionale sono decollati nuovamente in tutta la Liguria, per ritornare a crescere in maniera quasi impercettibile nella giornata di oggi. Qual è la ragione di tali oscillazioni?

A livello nazionale si guardano le virgole per apprezzare l'inclinazione della curva del contagio, mentre in Liguria ci sono vere e proprie scosse telluriche ma la cosa non sembra destare particolari preoccupazioni. Anche perché questi numeri non vengono nemmeno presi in considerazione: ci si concentra maggiormente sul numero degli ospedalizzati, dei ricoverati in Terapia intensiva e dei decessi, che sino a pochi giorni fa ponevano la provincia spezzina ai vertici nazionali per tasso di letalità. Semplicemente perché mancavano all'appello ancora molte positività, saltate fuori in qualche modo nei giorni successivi.
Sempre da Roma, questa volta dal ministero della Salute, giunge invece un altro dato, quello della percentuale di posti letto di Terapia intensiva occupati.
Ebbene, in questa speciale classifica, la Liguria registra un valore pari all'89 per cento, davanti a Lombardia (84 per cento), Marche (83 per cento), Provincia autonoma di Trento (81 per cento) e Piemonte (79 per cento).

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




VIDEOGALLERY






















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News