Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 17 Novembre - ore 22.45

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Aquila colpita a un occhio dal pallino di un bracconiere

Potrebbe non tornare a volare mai più.

denuncia di enpa
Aquila colpita a un occhio dal pallino di un bracconiere

Liguria - E’ ancora presto per dire se riacquisterà l’uso dell’occhio destro e se un giorno potrà mai tornare a volare. In queste ore, la preoccupazione principale del veterinario Enpa che la sta curando nel CRAS (Centro recupero animali selvatici) gestito da Enpa a Campomorone (Genova) è quella di stabilizzarla e di evitare ogni possibile complicazione che ne metta in pericolo la vita. Quel che è certo è che a ridurre in questo stato un esemplare di aquila minore (aquila pennata, un migratore particolarmente protetto) non è stato né un incidente né un caso. E’ stato, invece, il fucile di un bracconiere, che, come dimostrano le radiografie fatte dal veterinario Enpa, l’ha centrata con un pallino proprio all’occhio destro. Un atto deliberato e consapevole di aggressione che avrebbe potuto avere conseguenze ancora più gravi – letali, forse – se l’aquila non fosse stata trovata nella zona di Sestri Ponente (Genova) da alcuni residenti e non fosse stata affidata al Cras Enpa. I volontari, pur con tutte le cautele del caso, sono moderatamente ottimisti per quanto riguarda lo scioglimento della prognosi, lo sono un po’ meno circa un pieno e totale recupero del rapace. Insomma, il rischio concreto che l’uccello non possa più tornare in natura c’è ed è concreto.

"Con le 'doppiette', in Liguria ma non solo, la situazione è fuori controllo. Registriamo purtroppo una preoccupante impennata del bracconaggio che – spiega Massimo Pigoni, responsabile del Cras Enpa – trova il suo humus e si nutre di un retroterra culturale e politico molto sensibile alle ragioni dei cacciatori. Penso a provvedimenti illegittimi bocciati dal Tar e riproposti dalla Regione; penso ai cacciatori che a torto si illudono di avere mano libera; penso alla disperata ricerca del consenso politico da parte di un mondo venatorio in estrema difficoltà e sempre più osteggiato, senza contare la totale insufficienza di controlli sul territorio".
I risultati dei “favori” concessi ai cacciatori: animali massacrati, ultima in ordine di tempo la povera aquila minore, ma anche tantissime vittime umane. "Tacciano i fucili e tacciano subito. La politica – conclude Pigoni - faccia un atto di responsabilità: fermi la caccia. Perché non vorremmo proprio doverci trovare a piangere un altre vittime".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News