Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 06 Luglio - ore 09.35

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Lettera: "Sentieri del Parco maltrattati dai bikers"

Lettera: "Sentieri del Parco maltrattati dai bikers"

- Lettera aperta dell'architetto Roberto Pasquali all'’Ente Parco Monte Marcello Magra

Buongiorno,

Con la presente vorrei segnalarVi la situazione in cui versano i sentieri del Parco Monte Marcello Magra, in gran parte tracciati dal CAI (Club Alpino Italiano), dopo che l’associazione “ASD Lerici Bike” da circa due-tre anni sta pubblicando on-line le sue attività, modificando i sentieri storici, modificando i tracciati e mettendo a disposizione della comunità virtuale le tracce GPS di questi tracciati modificati (ad es. www.gpsles.com).

Essendo socio CAI, abitando all’interno del Parco, riscontro un assoluto maltrattamento delle crose storiche, che dovrebbero essere mantenute e rispettate come tali.
Tuttavia a causa delle modifiche dei sentieri e del passaggio sugli stessi, a 30-40km/h in discesa con Mountain-Bike, molto spesso elettriche e quindi più pesanti, si verifica un danno dovuto alla fruizione massiccia, incontrollata e senza regole di un territorio fragile e che necessita di maggiore attenzione e sensibilità da parte di tutti i fruitori.

In base al mio riscontro, ho verificato un’affossamento annuale di circa 10 cm in gran parte dei percorsi, caratterizzati da pendio e terreno argilloso, nonché modifiche dei percorsi ufficiali e storici, creazioni di varianti (specifiche per la Mountain Bike) che sono causa di problemi di orientamento, confusione nelle indicazioni e, talvolta, di cadute a terra per chi svolge attività escursionistica a piedi, per non parlare del maltrattamento del suolo pubblico (res publica) e del substrato storico che caratterizza e arricchisce il nostro territorio.

Perlopiù la segnaletica utilizzata per segnalare i percorsi di discesa con Mountain Bike è realizzata con materiale plastico non bio-degradabile e se soggetto a possibile abbandono in natura.

Per ben specificare la situazione, a mia conoscenza, il sentiero CAI 462 è stato modificato e deviato in diversi punti e la stessa sorte è toccata al sentiero CAI 411.

Mi auguro che Vogliate farvi carico di monitorare la situazione e porre in atto le adeguate misure necessarie sia alla fruizione, sia alla tutela del nostro territorio, con particolare rispetto della sostenibilità ambientale, naturalistica e storica della nostra provincia nonché del Parco Regionale Monte Marcello Magra.

Cordiali saluti,
Dott. Arch. Roberto Pasquali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News