Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 16 Ottobre - ore 22.30

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

La Uaar scrive ai dirigenti scolastici spezzini: "Rispettate la laicità della scuola"

La Uaar scrive ai dirigenti scolastici spezzini: `Rispettate la laicità della scuola`

La Spezia - Egregio Dirigente,
Da poche settimane è iniziato l'anno scolastico e, per la prima volta, il circolo Uaar della Spezia, quale responsabile e referente delle attività dell’associazione nel nostro territorio, si rivolge ai Dirigenti degli istituti scolastici di ogni ordine e grado della provincia di La Spezia. Alcuni episodi verificatisi nello scorso anno scolastico, ci hanno suggerito di rivolgerci a Voi, nel rispetto dei ruoli e dell'Autorità che ricoprite, con una lettera che vuole affrontare alcune questioni che hanno a che fare con il Vostro delicato compito di educatori ed essere, al contempo, un invito a garantire la laicità della scuola, anche respingendo, laddove fosse necessario, i tentativi di ingerenza. In primo luogo, l'UAAR si batte da sempre per la laicità dello Stato e delle sue Istituzioni, tra le quali, senz'altro, primeggia la scuola. Un valore, quello della laicità, che la Corte Costituzionale ha definito “principio supremo dello Stato repubblicano” (sentenza 203/1989), che perciò riguarda tutti, e che ci auguriamo venga rispettato in un ambiente sensibile e sempre più multiculturale come quello in cui operate. Una società pluralista e inclusiva si arricchisce infatti del contributo di tutti, garantendo lo scambio e il rispetto reciproco, senza l'imposizione di una data visione del mondo. In quest'ottica ci colpiscono molto le scelte che talvolta fanno alcuni Dirigenti scolastici in periodi significativi dell’anno scolastico, magari anche per assecondare certe pressioni. Non sono stati rari, infatti, i casi in cui, all’’apertura dell’anno scolastico o poco prima delle festività natalizie e pasquali, alcuni Dirigenti hanno acconsentito ad invitare sacerdoti per improbabili “benedizioni” o ad inviare gli alunni alla celebrazione di una messa, in palese violazione del carattere laico della scuola e di quel principio supremo dello Stato, che non esiteremo a condannare ogni volta che episodi analoghi dovessero ripetersi.
Nel suo impegno a combattere tutte le discriminazioni, specie quelle di matrice religiosa, l'UAAR sta osservando con attenzione ciò che da qualche mese sta circolando tipicamente negli ambienti religiosi conservatori, riguardante la fantomatica teoria del gender (nota anche come ideologia gender, o semplicemente gender) che sarebbe inserita, tra i vari punti, nel Ddl Fedeli sulla “Buona Scuola”. Chi sta invitando i genitori ad una crociata contro questa presunta iniziativa, arrivando in alcuni casi a scrivere ai Dirigenti scolastici, ha estratto strumentalmente alcune frasi dalle linee guida dell'OMS, che in realtà dicono altro ed invitano genericamente ad una maggiore conoscenza del corpo e della sessualità, in maniera progressiva e delicata, nei bambini e nei preadolescenti. 2 Apprendimento forzato di informazioni e modelli omosessuali, azzeramento delle differenze di genere, condizionamento dell'identità sessuale dello studente, masturbazione precoce, aborto, pornografia e così via: come certamente saprà, nulla di tutto ciò è presente nel ddl “Buona Scuola”, anche perché la cosiddetta “teoria del gender” non esiste. È stato da poco ribadito duramente da Davide Faraone, sottosegretario di Stato del MIUR, e dal Ministro dell'Istruzione Stefania Giannini. Il testo si compone di soli 8 articoli e parla di educazione di genere, non toccando quasi per nulla l’educazione sessuale, che pure riteniamo sarebbe un tema da inserire nei programmi scolastici. Condanniamo fermamente questi tentativi di condizionamento diretti al Suo importante lavoro e siamo convinti che la scuola abbia il dovere di insegnare il rispetto verso il prossimo e verso le diversità, con lo scopo di ridurre gli stereotipi dei ruoli sociali, che in alcuni casi possono generare bullismo e violenza. Vorremmo infine parlarle di come l'UAAR sia da sempre attenta affinché le scuole assicurino attività alternative all'insegnamento della religione cattolica (IRC), laddove le famiglie scelgano di non avvalersene. Alcuni genitori ci segnalano di come in alcuni casi i propri figli siano “parcheggiati” in corridoi o aule vuote, quando non si ricorra all'uscita anticipata: queste situazioni, del tutto illegali, in molti casi portano alla rinuncia dei genitori della richiesta di non avvalersi dell’IRC, per paura di procurare al proprio figlio sensazioni discriminatorie. Eppure si tratta di diritti chiaramente espressi dalla giurisprudenza. Per esempio, il Consiglio di Stato, con sentenza n. 2749 del 7 maggio 2010, ha stabilito che «la mancata attivazione dell’insegnamento alternativo può incidere sulla libertà religiosa dello studente o della famiglia, e di questo aspetto il Ministero… dovrà necessariamente farsi carico». Invece, la circolare del Ministero dell’Istruzione n. 59 del 23 luglio 2010, inerente l’Adeguamento degli organici di diritto alle situazioni di fatto per l’anno 2010/2011, evidenzia la necessità di assicurare «l’insegnamento dell’ora alternativa alla religione cattolica agli alunni interessati». L’ordinanza del tribunale di Padova n. 1176 del 30 luglio 2010, ancora, ha stabilito che l’attivazione dei corsi alternativi costituisce «un obbligo», e che la loro mancata attivazione costituisce «un comportamento discriminatorio illegittimo», fonte di responsabilità risarcitoria per l’Istituto scolastico. Infine, il MIUR, con nota del 22 marzo 2011, ha trasmesso alle Istituzioni Scolastiche di ogni ordine e grado le indicazioni della Ragioneria Generale dello Stato sul pagamento delle attività didattiche alternative all’insegnamento della religione cattolica. Il parere, concordato tra il MIUR e il MEF, ribadisce che la scelta di genitori e alunni di avvalersi delle attività didattiche alternative alla religione cattolica rende le stesse un «servizio strutturale obbligatorio», da pagare «a mezzo dei ruoli di spesa fissa». Come anticipato da diversi Uffici Scolastici Regionali, risulta certificato dai due ministeri competenti che i costi dell’ora alterativa sono coperti dallo Stato e non gravano sui singoli istituti scolastici. Ci auguriamo che nel Suo istituto possano essere previste tali attività alternative, e le ricordiamo che l'UAAR resterà gratuitamente a disposizione di tutti i genitori che ad essa si rivolgeranno in caso di mancata attuazione delle stesse. Nell'augurarLe, infine, il nostro “buon lavoro” per il non facile compito che l'aspetta, Le ricordiamo che il Circolo Uaar della Spezia, nell’intento di una proficua collaborazione, resta a Sua disposizione per confronti e approfondimenti, che potrà autonomamente ricercare nel sito nazionale dell’associazione: www.uaar.it , disponibile anche per eventuali consulenze.

Cordialmente, Cesare Bisleri (Coordinatore circolo Uaar della Spezia)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure