Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 29 Marzo - ore 09.14

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Paoletti ha messo alle porte sette aziende e settanta persone"

Intervento di Gianni Pucci, ultimo presidente della Lerici Mare, a nome degli ex soci privati della società.

`Paoletti ha messo alle porte sette aziende e settanta persone`

- Oltre il limite della conoscenza i cartografi romani solevano scrivere “terra incognita”.
Dopo aver assistito al Consiglio comunale dell’ 8 u.s., e saputo il valore degli importi che saranno richiesti a base di una “gara al massimo rialzo” per gli “affidamenti” degli arenili in base all’art.45 bis del Codice della Navigazione, possiamo aggiungere “hic sunt dracones” “hic sunt leones”. Qui ci sono i draghi. Qui ci sono i leoni. Quali patti con i leoni?
Se poi torniamo al latino il termine “affidamento” significa “atto di fede e di fiducia”.
Nei fatti, questa amministrazione, anticipando la prevista scadenza del 2020 con i conseguenti atti di messa in liquidazione della Lerici Mare, ci ha “disaffidato” la gestione degli arenili, mettendo alla porta sette aziende e la sorte di oltre settanta persone. Quindi non riteniamo possibile ricostruire un rapporto basato sulla fiducia con l’Ente che, soltanto lo scorso 10 marzo, ha inoltrato richiesta di nuova concessione, equivalente a quella appartenuta a Lerici Mare S.r.l., per la durata di nove anni.
E’ altrettanto vero che questa vicenda è composta da persone che hanno svolto attività ultraventennali.
I loro animi hanno vissuto e stanno vivendo i medesimi travagli che stanno consumando, nell’altro lato del Golfo dei Poeti, il Sig.Lamia, e che pertanto possono addurre gli stessi identici argomenti da lui prodotti (qui un nostro articolo, ndr).
Se le storie individuali sono diverse il minimo comune denominatore è lo stesso dato. Quello dall’avvicendarsi e dall’accavallarsi di più di due generazioni. Le continuità che hanno maturato impegni e responsabilità. I vissuti che hanno acceso passioni e riempito i cuori.
Non dubitiamo il puntuale intervento dei soliti maligni che invidiosamente ci hanno attribuito solo il riempimento dei portafogli.
Questi “valori aggiunti”, riteniamo essere argomenti che non potranno mai essere valutati in una gara qualità-prezzo (a prescindere dal fatto che per questa amministrazione conta solo il prezzo).
Alcuni di questi servizi aggiuntivi “non prescritti” quali l’acqua calda - pannelli solari, la videosorveglianza – telecamere/ videoregistratori, la prenotazione online - sito Web/software, il guardianaggio notturno, area giochi bimbi,ecc. sono nati spontaneamente, nel corso degli anni, con ingente impegno economico e quasi sempre con estenuanti e faticose lotte contro una burocrazia ottusa ed ostile.
Nelle recenti ed equivalenti gare promosse dai Comuni, sia della limitrofa riviera del Levante che del Ponente, della Regione Liguria, in ordine alle Linee Guida, i su-esposti servizi sono definiti “facoltativi”, aumentando la qualità ed attribuiscono punteggio di merito aggiuntivo ai concorrenti.
Non a caso queste spiagge, già dal 1999 per prime in Liguria, erano state premiate dapprima con il più significativo riconoscimento della Fee (Bandiera Blu) e poi a seguire da quasi tutti gli altri (ISO14001/Vele Legambiente/Bandiera Verde Associazione Pediatri/ ecc.).
Questo sino a ieri, oggi ci domandiamo se davvero questa amministrazione si sia accorta di cosa realmente abbia concorso a distruggere sostituendo il domani con vaghe e disattese promesse considerato che dalle dichiarazioni il famigerato bando era già pronto un anno fa.
Certo non sono stati campioni di sensibilità neppure nei confronti degli altri operatori balneari, quelli degli stabilimenti, considerata la scelta dell’orario della cerimonia (12.30 dell’ultimo sabato di luglio) di consegna delle bandiere blu.
Soffriamo le attuali condizioni degli arenili. Siamo perplessi che questo riconoscimento potrà essere riattribuito e sgomenti che la rete delle imprese collegate al settore balneare non sia ancora intervenuto.
Sembra che tutti siano “imbalsamati”. Compresi i sedicenti “comitati” quelli nati per risolvere il problema delle spiagge che avevano “fiduciosamente” condiviso gli intenti ed il programma del Sindaco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure