Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 22 Maggio - ore 15.58

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"La chiesa di Marola non può più aspettare la manutenzione"

Il maltempo della settimana scorsa non ha risparmiato l'edificio di Via Mori, antico cuore religioso della comunità.

appello alla curia
"La chiesa di Marola non può più aspettare la manutenzione"

- Buongiorno
Mi chiamo Ivana D’Imporzano e sono una giornalista nata a Marola. Trasferitami a Modena quarant’anni fa per motivi lavorativi, continuo a seguire e a interessarmi alle vicende del mio paese di origine e della città di Spezia a cui sono molto legata. Vi scrivo per portare attenzione su di una questione di primaria importanza per la frazione di Marola. A seguito dei violenti eventi meteoclimatici della scorsa settimana, sono riemerse la criticità della chiesa
dell’Immacolata Concezione in via Mori. L’antico edificio, in passato cuore religioso della comunità marolina, versa in stato di completo abbandono da molti anni. Le pietre delle pareti perimetrali e le lastre della copertura sono soggette a distacco, con grave rischio per la popolazione; i ponteggi installati molto tempo addietro non sono oggetto di nessuna manutenzione e rappresentano essi stessi un pericolo per possibile caduta di materiale.

Il maltempo ha recentemente provocato il distacco e la caduta di molte lastre di ardesia dal tetto, che hanno danneggiato le vetture sottostanti e che solo fortuitamente non hanno provocato lesioni ai passanti o agli abitanti delle case attigue. Alcuni rottami sono tuttora visibili ai lati della sede stradale. La necessità di un immediato intervento di messa in sicurezza del fabbricato, a tutela dell’incolumità della popolazione, suscita riflessioni più ampie sul destino di un edificio legato indissolubilmente alla storia civica e religiosa del paese.

I fedeli della comunità marolina da molti anni manifestano il desiderio di riappropriarsi dell’Immacolata Concezione, chiamata con devoto affetto “Madonna del Grignèo” dal nome con cui storicamente identificano la salita del paese: nelle fondamenta della chiesa affondano le loro radici cristiane e da lì emergono i ricordi del passato di un borgo che quotidianamente rivendica l’orgoglio della propria identità. Il sentimento religioso di una piccola comunità è legato alle tradizioni e alla capacità di conservarle e tramandarle nell’avvicendarsi delle generazioni, percorso che deve procedere integrato e coeso alle attività parrocchiali: l’abbandono di un edificio così ricco di simboli e di significati va invece nella direzione opposta. E’ richiesto quindi alla Curia un piano per la riabilitazione e la valorizzazione di questo piccolo patrimonio spirituale e culturale, che permetta di aprire nuovamente i battenti dell’originaria chiesa di Marola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News