Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 17 Agosto - ore 21.35

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Un prestito per rifare lo stadio dai tifosi, che si prendono gli interessi

Un prestito per rifare lo stadio dai tifosi, che si prendono gli interessi

La Spezia - Il terzo stadio di proprietà del calcio italiano, il "Benito Stirpe" di Frosinone, sarà anche il primo in cui una parte sarà finanziata grazie al crowdfunding. Dentro la tribuna del nuovo impianto sorgerà un centro medico e sopra di esso un ristorante; e poi ancora il Frosinone Village e i marciapiedi attorno alla struttura, uno spazio dove fare running con docce e illuminiazioni, tutto pagato dalle sottoscrizioni dei tifosi che da qualche giorno hanno modo di acquistare dei mini bond. Il ritorno non sarà solo legato al piacere di vivere uno stadio al passo coi tempi, gli investitori riceveranno infatti un interessi dell'8% su base annua (il 5% in contanti e il 3% in credito del club) e altri benefici di marketing quali il proprio nome nella “Wall of Fame” allo stadio.
“Abbiamo stimato un costo complessivo di queste opere variante tra un milione e un milione e 300mila euro. Come ho detto potevamo scegliere altre strade di finanziamento: intervenire come azionisti o attraverso il sistema bancario e invece abbiamo scelto la piattaforma di crowdfunding. Per collegare sempre più i stakeholders (portatori di interesse, ndr) e la struttura. Solamente se uno inizia ad avere un senso di appartenenza potrà apprezzarlo, preservarlo e gli vorrà dare quella possibilità di sviluppare che altrimenti non potrebbe avere. E’ importante legare le persone al luogo di appartenenza. E in questa direzione vanno l’inaugurazione dello Store, i progetti Experience e in questa direzione va il crowdfunding. E se questo permette anche di far guadagnare dei soldi alla gente, allora potremmo dire di essere andati oltre il fine ludico. Voglio ringraziare il dottor Verdun di Tifosy e aggiungo che è un fatto non banale che questo sia il primo caso in Italia. Ci sono tutte le incognite e tutte le opportunità per sviluppare insieme il progetto”, le parole del presidente Maurizio Stirpe.
Alla base del progetto l'uso della piattaforma Tifosy, che ha già sperimentato questo tipo di attività con altri club, soprattutto esteri. "Io vivo a Londra e chiaramente abbiamo avuto la possibilità di vedere diversi stadi in Inghilterra ma quando siamo arrivati a Frosinone per l’inaugurazione del ‘Benito Stirpe’ siamo rimasti colpiti davvero da questo impianto. Voglio ricordare che Tifosy è l’unica piattaforma di finanziamento destinata ai tifosi, permette loro di supportare finanziariamente i progetti delle società per diventare protagonisti all’interno della stesse attraverso la passione per i colori della propria squadra”, ha detto Nicola Verdun durante la presentazione.
"“Attraverso la piattaforma on-line sulla quale viene preparata la pagina della campagna, accessibile a tutti, dove i tifosi potranno accedere a tutte le informazioni introduttive necessarie a questa prima fase introduttiva. I tifosi dovranno successivamente registrarsi e poi definire a quale categoria di investitori appartengono. Successivamente torneranno alla pagina della campagna dove potranno aprire e o scaricare i documenti con tutte le informazioni necessarie (finanziarie, legali, marketing) relative alla campagna. In questa fase l’investitore potrà procedere con il proprio investimento, inserendo il valore nell’apposito riquadro. Dopo di che l’investitore procederà con l’inserimento dei propri dati e la modalità di pagamento che preferisce (carta prepagata o bonifico bancario). Il processo si conclude con la approvazione finale dove l’investitore dovrà dichiarare di aver letto quanto andrà a sottoscrivere. Nel caso specifico del Frosinone, le obbligazioni avranno un termine di 5 anni, l’investimento minimo è di 500 euro e multipli di 500. Sarà un’operazione vantaggiosa a favore degli investitori perché parliamo di una percentuale di ricavo dell’8% totale, di cui 5% ogni anno e 3% in servizi che torneranno a disposizione dei tifosi. Abbiamo pensato anche a dare visibilità: tutti gli investitori avranno un nome su una parete ad hoc posta al di fuori dello stadio ‘Benito Stirpe, l’abbiamo chiamata ‘Wall of Fame’. E ci saranno tante altre iniziative, al di là del ritorno finanziario stesso. Avendo conosciuto meglio il Frosinone in queste settimane siamo convinti che vi siano tutte le premesse per sviluppare una campagna importante e vincente. Dodici mesi dopo la chiusura della campagna verrà riconosciuto all’investitore il 5% lordo più il 3% di bonus. Ci tengo a tornare sul processo: sembra complicato ma è molto snello. E ripeto: ci sarà un percorso guidato che coinvolga tutti, dal 19enne alla persona meno esperta”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News