Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 18 Giugno - ore 17.56

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Un antipasto della grande atletica al "Montagna"

Arriva la due giorni della Finale B dei campionati di società, prova generale in vista di La Spezia 2020. Leporati: "Stiamo bruciando ogni tappa". Ci sarà anche l'olimpionico Brogini: "Un sogno vedere tanto interesse per l'atletica".

sabato e domenica
Un antipasto della grande atletica al "Montagna"

La Spezia - Manca un anno a La Spezia 2020 e il campo sportivo "Montagna" ospita il prossimo fine settimana quella che può essere considerata una prova generale dei nazionali assoluti di atletica. Quasi quattrocento atleti per ventidue società si sfidano tra 15 e 16 giugno nella Finale B dei campionati di società che si svolgono in contemporanea alla Finale Oro (Firenze), la Finale Argento (Imola) e la Finale Bronzo (Orvieto). "Un test da affrontare al meglio - dice Lorenzo Brogi, assessore allo sport - L’impegno è enorme da partite di tutti, anche per l'amministrazione che deve dare certezza di supporto al movimento dell'atletica. Sarà anche un ulteriore modo per scoprire un parco come il Montagna, ristrutturato anche al di là dell’area dedicata all'atletica".
Società organizzatrice è l'Atletica Spezia Duferco, che oltretutto gareggerà sulla pista di casa sia tra i maschi che tra le femmine. “Per noi un risultato spaventoso contando che alcune delle nostre atlete di punta non hanno potuto esserci per infortunio - ricorda il direttore tecnico Federico Leporati - Ci saranno società dal passato glorioso e anche atleti di primo piano. Il livello tecnico é alto e noi speriamo garantire lo stesso livello organizzativo". Almeno una settantina di volontari in azione, pronti a far funzionare la macchina: instradare gli atleti, garantire l'ordine tra il campo principale e quello di riscaldamento e tutte le attività che passano tra quando gli atleti si presentano alla camera d'appello fino alle premiazioni di ogni disciplina.

"Il nostro movimento ha avuto risveglio grandioso e stiamo bruciando le tappe - esulta Leporati - I nazionali sono un'occasione per rimettere assieme persone che hanno fatto la storia dell’atletica. Il campo Montagna rinnovato ci ha permesso in questi anni di fare attività parallele con la scuola di altissimo livello. L'obiettivo è fare in modo che la Spezia diventi un polo di riferimento per tutta l’atletica nazionale e oltre. Oggi ci sono Rieti e Modena, ci prova Vicenza ad accreditarsi e ci proveremo anche noi. La struttura è adeguata e la ricettività c’è".
Assente per impegni legati all'atletica Norberto Capiferri, presidente del Comitato organizzatore La Spezia 2020, e assente anche il presidente dell'Atletica Spezia Stefano Mei. C'è il vice Roberto Colombo a presentare l'evento: "Chiediamo alla città di venire a vedere l'atletica, che rimane la regina degli sport, perché non ne rimarrà delusa". Fondamentale il supporto del Coni, o quantomeno quello personale di Augusto Franchetti Rosada, pur nell'incertezza di "un momento particolare per il Coni, che è in pieno cambiamento. Ma viviamo un momento bellissimo per lo sport alla Spezia, con appuntamenti di livello nazionale nell'atletica, nella pallavolo, nella scherma, nel basket e nel calcio". Si spera che eventi come questi spingano altri giovani ad avvicinarsi a uno sport formativo anche per il carattere: "La risposta delle scuole alle iniziative legate all'atletica sono state davvero straordinarie nell'anno appena passato", assicura Giovanno Agnolucci, referente educazione fisica dell'Ufficio scolastico provinciale.

La Finale B ha riportato a farsi avanti un grande dello sport spezzino: Alessandro Brogini, uno dei due olimpionici dell'atletica in vita insieme al Mei. "Sono contento di percepire questo entusiasmo - dice l'ex decatleta - che mi fa sentire in colpa per non aver fatto un nulla per 35 anni. Devo dire a mia discolpa che ho passato più tempo su una nave che in città nel frattempo. Avrei voluto far l'allenatore ma non mi sarebbe stato possibile con il lavoro che faccio e visto che sono un perfezionista. Vedere però l'atletica vivere questo momento di grazia per me è un sogno. Dico solo che questi giovani che si avvicinano al nostro sport, oggi hanno bisogno di noi".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia































La Piazza Sospesa sorgerà tra Via Diaz e il lungomare: vi piace il progetto?











Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News