Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 23 Febbraio - ore 19.30

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

UN PUNTO IN CASA CHE CHIUDE UNA SETTIMANA AL RIBASSO

Solo 0-0 contro il Cittadella che sbaglia un rigore e va più vicino al gol dello Spezia. Terzi relegato in panchina, nella ripresa Gallo vara il 4-4-2 ma non passa. Nel finale qualche coro deciso della Curva Ferrovia alla squadra.

CONTESTAZIONE A FINE PARTITA
UN PUNTO IN CASA CHE CHIUDE UNA SETTIMANA AL RIBASSO

La Spezia - SPEZIA-CITTADELLA 0-0

SPEZIA (4-3-1-2)
Di Gennaro; De Col, Masi (60’ Capelli), Giani, Lopez; Vignali, Bolzoni (67’ Augello), Pessina; Mastinu; Granoche, Marilungo (71’ Forte). A disp. Saloni, Calabresi, Acampora, Terzi, Ceccaroni, Soleri, Corbo, Giorgi, Gilardino, Okereke.
All. Fabio Gallo

CITTADELLA (4-3-1-2)
Alfonso; Salvi, Pelagatti, Varnier, Benedetti; Bartolomei, Iori, Settembrini; Schenetti (84’ Chiaretti); Litteri (88’ Kouame), Strizzolo (39’ Arrighini). A disp. Paleari, Scaglia, Pezzi, Caccin, Settembrini, Lora, Iunco.
All. Roberto Venturato

Arbitro: Luigi Pillitteri di Palermo
Assistenti: Paolo Formato di Benevento e Giovanni Luciano di Lamezia Terme
Quarto ufficiale: Marco Guarnieri di Empoli

Angoli: 8-5
Recuperi: 1’+4’
Note: Iori sbaglia un rigore al 76’

Spettatori: 5365 (1165 paganti + 4200 abbonati)
Incasso: 5.843 euro

Pre-partita.
ore 14.33 - Terzi fuori, ritorna la coppia di difesa che bene ha fatto contro il Perugia una settimana fa. Fabio Gallo affronta l’ennesimo esame, chiamato a confermare il trend casalingo e a cancellare il 3-1 di Ascoli di martedì sera. Arriva il Cittadella, brillante formazione veneta che ha iniziato bene il campionato come da tradizione. Non sarà una partita facile.

ore 14.46 - La buona notizia è il ritorno di Di Gennaro tra i pali dopo l’infortunio di inizio mese. Saloni, che ha retto la porta nelle ultime tre partite, si accomoda in panchina. Il vero stakanovista è Pessina, ancora una volta in campo dopo aver tirato la carretta per tante giornate. In diffida il solo Maggiore, che parte dalla panchina.

PRIMO TEMPO
Ampi vuoti in curva quando l’arbitro fischia l’inizio della partita. Il Cittadella amministra il primo possesso palla, forse conscio che lo Spezia tende a partire a razzo in casa. Al secondo minuto però è già angolo per gli aquilotti, con Lopez che colpisce di testa dal cuore dell’area e trova la respinta di un difensore sulla linea di porta. Subito occasione per i bianchi, schierati ancora una volta con il 4-3-1-2 che ha permesso di sopperire alla carestia di gol delle prime giornate.
Bartolomei libero di spostarsi il pallone sul destro e concludere centrale tra le braccia di Di Gennaro quando scatta il sesto minuto, è la prima sortita degli ospiti che giocano in maniera speculare ai bianchi. Il regista Iori gioca su Mastinu trequartista, mentre dall’altra parte c’è Bolzoni in marcatura su Schenetti; lo Spezia ha forse qualcosa di più dal punto di vista della tecnica ma perde in automatisimi.

Spezia spesso fermato in angolo
Difficile sviluppare trame palla a terra, sia da una parte che dall’altra. Per adesso funzionano meglio le marcature che le invenzioni dei singoli. Ci prova Marilungo a cambiare questo destino cercando lo scambio con Lopez che mette dentro e trova la deviazione di Pelagatti. Gli angoli per lo Spezia salgono presto a cinque quando arriva il quarto d’ora.
Sono Pessina e Vignali a sembrare un po’ fuori dal gioco fino a questo momento e così Lopez sale a dialogare direttamente con Granoche: lo scambio funziona anche in area ma il tiro capita sul destro e il terzino non trova la porta. Azione che dà fiducia, tanto che un minuto dopo è ancora corner, ma ancora una volta non arriva la deviazione decisiva.

Vignali e Mastinu da fuori, pressione aquilotta
Botta di Vignali al 21esimo, dopo una bella sponda di Granoche al limite dell’area. Lo Spezia prende campo e coraggio, ma il tiro del centrocampista è fuori di almeno un metro. Mastinu decide di spostarsi a destra un minuto dopo e da lì trova lo spazio per provare il sinistro che piega le mani ad Alfonso e finisce fuori. Settimo e ottavo angolo in rapida serie quando scatta il minuto 24: una media di uno ogni quattro minuti.
Fase di stanca a cavallo della mezz’ora. Si vede il Cittadella che guadagna qualche metro ma non tira mai in porta. Batte però due angoli, e in occasione del secondo Iori viene liberato al tiro dall’altezza del dischetto del rigore, ciccando però il pallone che scorre verso il fallo di fondo. Sarebbe stata una vera beffa, visto che per adesso c’era stato quasi solo lo Spezia in campo.

Primo cambio, Venturato mette dentro Arrighini
Primo cambio della partita al 39esimo, Venturato deve togliere Strizzolo non al meglio per Arrighini. Esce un attaccante alto e potente per uno veloce e contropiedista. Manca il pressing e manca l’ultimo passaggio, sia da una parte che dall’altra. E’ chiaramente la terza partita di un trittico ravvicinato, squadre che non volano certo in campo ma agonismo comunque alto. Uno il minuto di recupero in virtù del cambio effettuato dal Cittadella.

SECONDO TEMPO.
Stessi ventidue in campo quando Pillitteri fischia l’inizio dei secondi 45 minuti. Lo Spezia parte contratto, due errori in disimpegno di De Col e poi di Giani innescano Litteri che semina due avversari in area ma viene fermato in scivolata al momento del tiro da un attentissimo Masi. Brivido freddo sulla schiena di Gallo, che osserva la partita a braccia conserte al limite della sua area di competenza. La sensazione è che entrambe le squadre potrebbero sbloccarla. Cittadella più ordinato, ma Spezia che quando riesce a giocare di prima si crea spazi importanti.

Di Gennaro esce su Schenetti e salva tutto
Ad andarci più vicino è il Cittadella, che con Schenetti parte sulla destra e semina il panico. Due dribbling e ingresso nell’area piccolo da sinistra, palla secca a cercare Litteri davanti all porta ma Di Gennaro va a terra come un fulmine e la tocca in angolo. Nell’occasion Masi si tocca una coscia e deve uscire, al suo posto dentro Capelli. Fa dunque rumore l’esclusione di Terzi che non entra neanche dalla panchina.
Pallino del gioco che rimane in mano degli ospiti, che hanno guadagnato in imprevedibilità con l’entrata di Arrighini. Bravo De Col a impattare sul pisano servito sulla corsa dall’onnipresente Schenetti, poco prima Pessina aveva sbagliato l’ennesimo pallone facile per Marilungo.

Fabio Gallo vara il 4-4-2
Ecco la variante tattica inedita di Fabio Gallo. Fuori Bolzoni, generoso come sempre, dentro Augello che va a fare l’esterno detro di centrocampo, con Mastinu a destra e Vignali-Pessina interni. E’ il terzo modulo disegnato in stagione, dopo il 3-5-2 e il 4-3-1-2.
Pochi secondi e ci vuole però ancora De Col per salvare il risultato: cross dalla destra di Schenetti perfetto per la testa di Arrighini tutto solo sul secondo palo, ma il terzino aquilotto anticipa l’attaccante mettendo in angolo. Ultimo cambio per Gallo, con Forte che prende il posto di Marilungo.

Follia di Lopez: rigore per il Cittadella
E’ il momento di stare calmi, ma purtroppo succede tutto il contrario. Lopez prova a far scorrere il pallone verso il fondo, ma è lento e Schenetti gli apssa davanti. A questo punto l’uruguaiano gli rifila un calcione da dietro e provoca un rigore netto.

Di Gennaro miracoloso disinnesca due volte
Va Iori sul pallone, rincorsa con pausa che non inganna il portiere aquilotto che si tuffa a destra ma non ha modo di toccare il pallone perché questi va sul palo. Sulla respinta però c’è Litteri che può stoppare e tirare forte da due passi, ma questa volta l’estremo difensore si supera e la mette alta da due passi.

Occasionissima Mastinu, ma palla fuori
Partita ora incandescente. Lo Spezia torna in avanti gasato dallo scampato pericolo, fallo laterale di Vignali che la difesa del Cittadella gestisce male provocando un rimpallo che consegna a Mastinu il tiro al volo di sinistro dai 15 metri. Potente ma impreciso, il mancino finisce fuori di mezzo metro. Mani nei capelli per Gallo, che sta vivendo minuti di grande intensità sempre con la sua solita compostezza.
Cambia anche Venturato adesso, fuori Schenetti per Chiaretti - un fantasista per un fantasista - e fuori Litteri, preda dei crampi, che lascia il posto a Kouame. Ma è dello Spezia una nuova occasione limpida con Lopez che sulla sinistra riesce a crossare sul secondo palo dove Mastinu può colpire al volo schiacciando però il pallone e mettendo fuori. Sono quattro i minuti di recupero finali, ma niente più può succedere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










I SONDAGGI DI CDS

Matteo Salvini ha proposto la reintroduzione della leva obbligatoria per i giovani maschi. Tu che ne pensi?
































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News