Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 09 Dicembre - ore 23.12

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Tarros sprecona, lezione ad Alba. Caluri: "Sotto le nostre potenzialità"

I bianconeri sbagliano troppo ed un bel finale di partita non basta a strappare la vittoria. Per gli spezzini arriva il secondo stop della stagione. Il presidente: “Passi in avanti, ma per vincere contro questi avversari bisogna crescere".

Tarros sprecona, lezione ad Alba. Caluri: "Sotto le nostre potenzialità"

La Spezia - OLIMPO BASKET ALBA – SPEZIA BASKET CLUB TARROS: 84-78
Parziali: 24-17; 43-33; 63-55

OLIMPO BASKET ALBA: Piano 13, Zanelli 20, Negro 11, Castillo 10, Di Gioia 9, Eirale n.e., Dellapiana 0, Gallo 17, Mucuta n.e., Margheri 4. Coach Luca Jacomuzzi
SPEZIA BASKET CLUB TARROS: Santoni 15, Ferrari 11, Fazio 9, Nesti 11, Seravalli 22, Pipolo 10, Dalpadulo 0, Diakhate 0, Bucci n.e., Manzini n.e. Coach Marco Mori

“E' una macchina da 200 cavalli che corre però come se ne avesse 100”- usa una metafora automobilistica il Presidente dello Spezia Basket Club Tarros Danilo Caluri per commentare la sconfitta nel match contro l'Olimpo Basket Alba e spiega - “Siamo una bella squadra, dall'ottimo potenziale: dobbiamo riuscire a svilupparlo tutto. Ho visto dei passi in avanti rispetto alle ultime prestazioni, ma per vincere su parquet come questo serve ancora qualcosa in più. Dobbiamo guardarci allo specchio e riflettere sui tanti errori che abbiamo commesso: abbiamo concesso ad Alba troppi canestri, soprattutto da sotto, e troppi rimbalzi. Non si può vincere sbagliando così tanto. Guardando in prospettiva, però, vedo una squadra che rispecchia le mie aspettative: credo ci serva solo ancora un po' di tempo per settare tutti i meccanismi. Di positivo, nella sconfitta di oggi, c'è il risultato, con una differenza canestri ridotta, facilmente recuperabile”.

Guarda avanti, quindi, e lo fa con ottimismo, il Presidente bianconero Danilo Caluri le cui parole si rispecchiano anche nelle dichiarazioni di coach Marco Mori che, a fine gara, non nasconde il rammarico: “Abbiamo perso un'ottima occasione. Bastavano meno disattenzioni ed un po' più di rabbia agonistica e la partita avremmo potuto vincerla. Abbiamo però regalato davvero troppo agli avversari, almeno per tre quarti di gara: troppi i rimbalzi sui quali non siamo riusciti ad arrivare per primi, troppi i palloni che abbiamo perso, lasciando ad Alba la chance del contropiede. Abbiamo sbagliato ed abbiamo pagato gli errori. Il risultato è giusto. Anch'io ho visto miglioramenti, ma non siamo ancora la squadra che vorrei, non abbiamo ancora trovato la giusta quadratura, ma gli uomini ci sono e sono sicuro che abbiamo tutte le potenzialità per fare molto bene”.

Peccato, quindi, per i troppi spazi e l'eccessiva libertà lasciati ai padroni di casa che mantengono, così, l'imbattibilità del PalaEgea.
L'avvio del match è equilibrato; la prima discriminante si ha intorno a metà frazione quando Alba piazza un break di 7 punti che le permette di portare il proprio vantaggio in doppia cifra, anche se poi la Tarros riesce a recuperare qualcosa ed a chiudere i primi dieci minuti sotto di 7 lunghezze. Il secondo tempino stenta a decollare: i padroni di casa impiegano quasi due minuti per tornare a muovere il tabellino; il doppio ne serve alla Tarros. Poi un piccolo allungo dei biancorossi, con il massimo vantaggio che arriva a 14 punti, per poi ridursi a 10 quando le due squadre vanno alla pausa lunga. Al ritorno sul parquet c'è grande equilibrio ed agli ultimi dieci minuti gli ospiti si presentano con 8 punti da recuperare. La quarta frazione si apre con i padroni di casa in avanti: a 7 minuti dal termine è, per loro, massimo vantaggio, +15. La Tarros, però, non si dà per vinta e con un break che porta le firme di Seravalli, Ferrari e Fazio si porta ad un solo punto dagli avversari. Manca 1'46” alla sirena e tutto è di nuovo in gioco. Purtroppo, però, ai bianconeri aggancio e sorpasso non riescono. Il sipario cala con la tripla di Castillo e quattro centri dei piemontesi dalla lunetta. I canestri di Fazio e Piano, rispettivamente a 3 secondi ed 1 secondo dal termine, servono solo per la cronaca. Si chiude sull'84-78: per la Tarros arriva la seconda sconfitta della stagione.

Anche il prossimo, per gli spezzini, non sarà un impegno facile: appuntamento domenica 16 novembre, tra le mura amiche del PalaSprint, per il match contro il Basket Trecate, oggi vittorioso contro Bra, ed in testa alla classifica del girone.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News