Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 21 Settembre - ore 20.31

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Spenti e prevedibili, anche i senatori vengono travolti

Difesa in balìa di Cerri e Di Carmine, a centrocampo solo corsa e poca qualità. Lento il possesso palla, il contropiede non scatta mai e nessuno trova mai la giocata.

SOLITI LIMITI FUORI CASA
Spenti e prevedibili, anche i senatori vengono travolti

La Spezia - Di Gennaro 5 - Prende solo il primo di testa, poi il resto dei palloni li va a raccogliere comodamente in porta. E’ vero che i tiri arrivano da due passi, ma l’istinto assolutorio si spegne quando prende il gol finale di Bianco che in pratica gli aveva quasi tirato addosso.

De Col 5,5 - Assistman suo malgrado, regala il tiro del raddoppio a Cerri. L’1-0 parte da Pajac che serve comodamente dalla trequarti eludendo la sua marcatura. Si toglie almeno la soddisfazione di essere l’unico a fermare in maniera pulita Di Carmine almeno una volta.

Terzi 5 - Tutti preoccupati da Cerri, ma alla fine è Di Carmine a rompere gli equilibri con un gran colpo di tacco dopo aver lasciato sul posto mezza difesa. Nella ripresa va a fare il regista avanzato visto che ha piedi migliori di tanti suoi compagni che gli giocano davanti. Ma anche in quel caso non arrivano spunti degni di nota.

Capelli 5 - Spetta a lui aiutare con i suoi centimetri sui palloni alti. In verità poi se la cava meglio nel mettere in fuorigioco Di Carmine nel secondo tempo quando lo Spezia è sbilanciato in avanti. Decisamente poco.

Lopez 5 - Quando dal suo lato giocava Pessina, per tutto il girone d’andata, anche le sue prestazioni erano di un altro spessore. Interrotta fatalmente la catena di sinistra, non gli resta che tenere a banda Mustacchio perché in avanti non si vede mai.

Pessina 5,5 - Dove sono le mezzali aquilotti c’è anche una netta superiorità numerica del Perugia, davvero ben messo in campo da Breda. Prova a dialogare con De Col, ma non ne esce nulla di memorabile (6’st Augello 5,5 - Si butta in campo con tanta voglia di fare, peraltro scodellando un paio di bei cross in area)

Bolzoni 5 - In ritardo su Bendinelli che tira e centra il palo, quando sta a lui far partire il contropiede si notano i suoi limiti in fase di impostazione. Quando c’è Mastinu ad abbassarsi maschera questo deficit, quando il fantasista esce deve avanzare Terzi per sopperire.

Mora 5 - Non vince un contrasto che sia uno, non azzarda mai il gioco di prima, risulta spesso prevedibile. Si trova a giocare sul filo del fallo laterale in un fazzoletto di campo per tutto il primo tempo, con il cambio di modulo ha qualche metro in più ma non lo mette a frutto. Ancora alla ricerca della sua dimensione.

Mastinu 5,5 - In ombra per tutto il primo tempo, d’altra parte lo Spezia anche quando può ripartire non lo fa mai o non sembra sapere davvero come farlo. (48’pt Granoche 5,5 - Due palloni buoni da sinistra, ma ci arriva in entrambi i casi in ritardo)

Forte 5,5 - Fa ammonire Volta dopo dieci minuti, sembra poter vincere lo scontro fisico con il diretto marcatore. Spende molto, senza poter mai davvero provare la conclusione, e all’ora di gioco viene sostituito (14’st Gilardino 5,5 - La beffa di vederlo entrare in un frangente in cui la stagione sembra già essere sfuggita dalle mani)

Marilungo 5 - Quando lo stop non serve il pallone direttamente al marcatore, ecco un tentativo di dribbling che non va mai in porto. Forse non era il suo tipo di campo il pesante manto del “Curi”. Chiude malamente levando il pallone a Mora in area per spedirlo sul fondo.


All. Fabio Gallo 5 - In tre quarti di campionato lo Spezia non ha mai trovato una sua dimensione lontano dalle mura di casa. La sua squadra non si sbilancia, ma quando c’è da ripartire non sembra mai avere una vera idea di cosa fare. Nessuno verticalizza e la palla spesso torna mestamente alla difesa. Un centrocampo di corsa che andava bene per salvarsi sembra invece poco attrezzato per il salto di qualità che porta agli spareggi promozione.
E’ vero che per adesso il mercato di gennaio non gli ha donato nessun vero rinforzo, ma questo non toglie che la fase in cui la squadra sembrava in crescita è finita da un pezzo ormai. I play-off ora sono distanti e la stagione sembra mestamente avviarsi a una tranquilla salvezza. Un po’ poco per come si erano messe le cose.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News