Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 18 Giugno - ore 10.04

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Soda e Grieco si ritrovano contro in panchina

Si gioca Pro Vercelli-Gozzano, i tecnici hanno condiviso l'impresa dello Spezia 05/06. "Vito era già un allenatore in campo, discutevamo spesso di tattica".

amarcord
Soda e Grieco si ritrovano contro in panchina

La Spezia - Lui era il tecnico emergente che si sarebbe messo in tasca la panchina d'argento a fine stagione. L'altro era il capitano della sua squadra, uomo spogliatoio e leader in campo. Dieci anni dopo quell'indimenticabile storia spezzina, Antonio Soda e Vito Grieco si sfidano domani pomeriggio in Pro Vercelli-Gozzano. "Lui ha una squadra forte e importante - dice subito Soda - noi pensiamo a fare il nostro campionato e a raggiungere la salvezza. Vito? Era già un allenatore in campo, allo Spezia ci siamo confrontati tante volte, già discutevamo di tattica. Si capiva che era tagliato per il mestiere: pensava al gruppo, era un leader in campo". "Con lui ho sempre avuto un grande rapporto - precisa Grieco - Forse è stata per lui la sensazione vedermi da collega dopo che sono stato un suo calciatore. Ci siamo incontrati spesso perché il Gozzano gioca a Vercelli".

Le visioni calcistiche non sono però le stesse, difficile parlare di maestro e allievo. "Poi finisci che fai giocare la squadra a seconda dei mezzi che hai e degli obiettivi che ti sei posto - spiega il calabrese - Con lo Spezia facevamo il 4-3-1-2 quella era e rimane la mia idea di calcio, era una squadra che sapeva vincere anche contro i pronostici". Grieco la spiega nel dettaglio. "Il mister ha sfruttato alla grande le caratteristiche dei giocatori che eravamo: c'era Alessi che era un signor trequartista, davanti aveva Varricchio e Guidetti. In mezzo c'erano due faticatori come Padoin e la buonanima di Paolo Ponzo. E' stato bravo ad adattare un modulo a questi profili, ne è nata una macchina eccezionale. Ho fatto i compimenti al mister anche quest'anno perché una neopromossa deve capire la categoria e loro ci sono riusciti presto, facendo un bel filotto di risultati. Hanno una classifica invidiabile e hanno già venduto tre giocatori al Crotone.".

Grieco era d'altra parte considerato un predestinato già ai tempi, ma non ha bruciato le tappe. "Era più semplice giocare a calcio, fare il proprio dovere e pensare a fare gruppo. Il tecnico è un mestiere pesante in cui sei sempre soggetto ai risultati. Basta perdere tre partite di seguito e vai a casa anche se sei bravo. Con il settore giovanile mi ero trovato benissimo, lì puoi insegnare la cultura del lavoro e il tatticismo viene dopo. In questa stagione abbiamo portato sette giocatori dalla primavera a giocare stabilmente in serie C. Tutti di proprietà e con minutaggi importanti, non scampoli di partita qua e là. A gennaio ne abbiamo già venduto uno alla Juventus, credo non fosse mai successo prima. Per me una soddisfazione incredibile avendoli visti crescere sin dagli Allievi".

Soda invece ha preso in mano la scommessa Gozzano a otto anni dall'ultima serie C disputata e la sta portando alla permanenza nel professionismo. In proporzione, un'altra impresa come quella del 2006. "Ero stato fuori, avevo fatto scelte diverse - ricorda - Siamo vicini al risultato e sono davvero contento di aver accettato questo incarico. Qui ho trovato una società piccola, molto sana e fatta di gente pura. E un puro lo sono anch'io dopotutto. Mi hanno davvero fatto tornare la voglia. Che dire, spero che nella decisione di fare l'allenatore di Vito abbia inciso anche il tempo passato con me - confessa Soda - Ci siamo abbracciati calorosamente all'andata, come con Guidetti che era qui vicino a Novara. Anche in lui ho visto grande entusiasmo. Sono ragazzi con cui abbiamo scritto un pezzo di storia, impossibile da dimenticare".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia































La Piazza Sospesa sorgerà tra Via Diaz e il lungomare: vi piace il progetto?











Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News