Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 26 Aprile - ore 11.34

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Sciaudone: "Non fui io a chiedere la cessione"

Il centrocampista ha ritrovato Di Carlo a Novara. "Pronti a mettere in campo i suoi suggerimenti. Sento ancora Errasti, De Col e Granoche. Sono contento dei miei mesi alla Spezia. Il gol al Cesena? Sì, il più bello è quello".

Sciaudone: "Non fui io a chiedere la cessione"

La Spezia - Il vero colpo di scena del mercato dello Spezia, che si sapeva sarebbe andato sotto i ferri del chirurgo estetico. Ma arrivato l'ultimo giorno di trattative - anzi, le ultime ore - che Daniele Sciaudone potesse essere ceduto al Novara, davvero non se lo aspettava nessuno. Tanto più in uno scambio con Francesco Bolzoni, che in un anno e mezzo in azzurro non era riuscito ad imporsi di certo come uno dei giocatori più utilizzati. E utilizzabili.
Oggi Bolzoni è un punto fermo dello Spezia e Sciaudone ha ritrovato il suo tecnico nell'anno e mezzo in aquilotto, quel Mimmo Di Carlo con cui partì alla grande per poi seguire una lenta parabola discendente. Arrivò dopo sei mesi difficili alla Salernitana e segnò subito alla sua ex squadra, gli scaramantici sono avvisati. Di bei gol ne avrebbe fatti diversi.

Il 19 novembre 2016 lo Spezia batte il Cesena con una sua conclusione al volo bellissima, rimasta nella testa di tifosi. E' il suo gol più bello o ne ricorda altri?
"E' il mio gol più bello senza dubbio, ne sono contentissimo perchè segnare un gol così non capita tutti i giorni".

Una stagione e mezzo in maglia bianca, particolarmente buona la seconda parte del primo anno, mentre nella seconda stagione non è andata proprio allo stesso modo.
"Sono comunque soddisfatto di entrambe le stagioni, perchè ogni volta che sono stato chiamato in causa ho dato il massimo; il secondo anno sono stato anche condizionato da un infortunio ma il percorso è impreziosito dalla conquista dei play-off".

Arrivasti con Di Carlo e Di Carlo seppe imprimere una svolta al campionato di quello Spezia. Oggi ritrovi il mister che ti ha rilanciato dopo l'esperienza negativa di Salerno. Che consigli ti senti di dargli?
"Nessun consiglio, penso che il mister debba solo continuare a essere se stesso e lavorare con la sua testa, siamo noi giocatori che dobbiamo mettere in campo al meglio i suoi suggerimenti".

Sciaudone-Errasti-Pulzetti era il trio di centrocampo che spinse ai play-off quella squadra. Senti ancora qualcuno dei tuoi vecchi compagni?
"Sì, sento spesso soprattutto Jon; ogni tanto sento anche Granoche, De Col, Migliore, e comunque sono sempre contento di ritrovarli".

E' uno Spezia più o meno forte di quelli in cui hai giocato tu?
"Più o meno non so dirlo ma è di sicuro uno Spezia molto forte, ha ottimi giocatori e un mister preparato, con delle buone idee da applicare al campo; quest'anno possono senz'altro dire la loro".

E del Novara cosa deve temere la squadra di mister Gallo?
"Credo che sicuramente la giocata di qualche singolo è da temere visti gli attaccanti che abbiamo in rosa, abbiamo grande voglia di rivalsa rispetto a quanto fatto finora".

La cessione è arrivata proprio nell'ultima ora di mercato. Un fulmine a ciel sereno oppure in fondo avevi già preso in considerazione l'ipotesi di andare via?
"Non ho mai manifestato la voglia di andare via. E' stato un po' un fulmine a ciel sereno, sia per me che per la società: si è verificata all'ultimo questa opportunità e abbiamo deciso di interrompere il percorso".

Frosinone predestinato, ha acquisito una continuità da prima della classe, Empoli in grande risalita grazie ai gol di Caputo, il Palermo invece perde in casa col Foggia ma rimane la favorita. Saranno queste tre alla fine a salutare la cadetteria?
"Penso proprio di sì: sono le tre squadre più organizzate e hanno una rosa tale da poter lottare per la promozione diretta; i play-off invece sono una lotteria che può vincere chiunque ci arrivi".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










Stagione virtualmente finita in casa Spezia, tempo di bilanci. Chi merita la conferma nel settore tecnico secondo i lettori?

































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News