Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 18 Giugno - ore 10.04

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Parquet amaro, Carispezia saluta subito la Coppa Italia

Costa Magnaga vince 72 a 57, l'avventura spezzina si arresta al primo turno.

Sconfitta
Parquet amaro, Carispezia saluta subito la Coppa Italia

La Spezia - Niente da fare per la Crédit Agricole Carispezia, costretta ad abbandonare il sogno Coppa Italia già al primo turno: purtroppo, Costa Masnaga si dimostra più lunga nelle rotazioni e più energica rispetto alle bianconere, a cui comunque vanno riconosciute le attenuanti del caso, ultima delle quali l’assenza di Cadoni (che ha subito un trauma in seguito ad un brutto incidente stradale), punto di riferimento nel quintetto titolare di coach Corsolini. Non bastano i 21 punti di una immensa Elisa Templari, però anche unica giocatrice in doppia cifra nella squadra spezzina. A condannare la Cestistica è soprattutto il terzo quarto, il cui parziale registra 21-8 per le lombarde: il blackout, sia offensivo che difensivo, è stato determinante nell’indirizzare la gara verso la B&P Autoricambi.

LA PARTITA - La CA Carispezia parte bene, portandosi subito sul 2-6 con i canestri di Templari e Tosi ed una buona difesa dentro la propria area. Poi però Costa Masnaga reagisce, stringe le maglie in difesa, e costruisce un parziale di 7-2 che porta avanti le lombarde (9-8). Le bianconere impattano con un tiro libero di Olajide, ma poi cominciano a soffrire la pressione asfissiante di Costa Masnaga, che si porta sul 17-10 con un altro break di 8-1, chiuso da Olajide che segna sfruttando un rimbalzo offensivo. Alla prima pausa, le spezzine sono sotto nel punteggio, sul 18-12 per le avversarie.
Nel secondo periodo si segna poco, solo due punti per parte, con tanti errori al tiro ma condizionati da buone difese. Poi la partita cambia, ed è come se si fosse aperto il vaso di Pandora. Templari sale in cattedra per la CA Carispezia, segnando ben 10 punti nel quarto, ma la sua straordinaria prestazione non basta alle bianconere per rimanere attaccate alla B&P Autoricambi, che comincia a trovare confidenza da tre punti con Baldelli e Rulli (35-27), aggiungendo intensità difensiva che invece le spezzine riescono solo parzialmente a mettere in campo, oltre alla fisicità di Vente sotto canestro. Nel frattempo per la Cestistica si sono sbloccate anche Sarni e Packovski – entrambe già da parecchi minuti con due falli a carico –, con quest’ultima che cede a Templari l’ultimo tiro del periodo, senza fortuna, purtroppo. All’intervallo lungo è 40-32 per la squadra lombarda.

IL SECONDO TEMPO - Nella ripresa la CA Carispezia non regge l’urto di Costa Masnaga, che rientra più concentrata in campo rispetto alle bianconere. Dal -6 in due occasioni, la Cestistica cade prima sul -15 (51-36), poi sul -21 (59-38) sotto i colpi di Picotti, Rulli e Vente, con quattro minuti e mezzo da giocare nel terzo periodo. Ciò che manca alla squadra spezzina, penalizzata da rotazioni corte e dalla situazione-falli di Sarni e Packovski, è la pressione difensiva sulle giocatrici in maglia bianca, facendo sì che la B&P Autoricambi possa prendersi tiri aperti con tanto spazio. Corradino prova a metterci energia, ma al termine del terzo quarto Costa Masnaga è avanti 61-40.
L’ultimo periodo vede la CA Carispezia raschiare le ultime gocce di forza dal proprio barile, ma la formazione lombarda non molla la morsa nella quale ha ormai stretto le ragazze di coach Corsolini. Per le spezzine segnano Linguaglossa e Templari, che provano a tirar fuori l’orgoglio delle bianconere, con la volontà di non cedere al -24 che recita il tabellone con 6 minuti e mezzo ancora da giocare (68-44). Tibé fa registrare il massimo vantaggio per la B&P Autoricambi (+26, sul 70-44), poi la Cestistica prova a rendere meno pesante il passivo, riuscendoci anche grazie ad un ultimo sussulto che vede ancora Templari protagonista assieme a Gioan, Olajide, il capitano Linguaglossa e l’inarrendevole Corradino. Alla sirena finale è Costa Masnaga ad aggiudicarsi la contesa per 72-57, avanzando così alle semifinali del torneo. Nonostante la sconfitta, a fine gara applausi anche per le ragazze bianconere.

B&P AUTORICAMBI COSTA MASNAGA 72-57 CA CARISPEZIA LA SPEZIA (18-12, 40-32, 61-40)

COSTA MASNAGA: Discacciati, Allevi, Longoni 7, Frustaci, Rulli 14, Balossi 3, Baldelli 13, Spinelli 2, Picotti 8, Tibè 10, Vente 15. ALL: Pirola.

LA SPEZIA: Packovski 6, Corradino 3, Templari 21, Tosi 2, Bini ne, Linguaglossa 5, Mori 2, Sarni 9, Olajide 5, Gioan 4. ALL: Corsolini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia































La Piazza Sospesa sorgerà tra Via Diaz e il lungomare: vi piace il progetto?











Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News