Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 05 Agosto - ore 22.48

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Nzola è qui per "crescere e sognare in grande"

Ha lasciato casa e un mese di stipendio a Trapani per lo Spezia. Prestito con diritto di riscatto a 900mila euro. Sul suo carattere: "In passato ho sbagliato, qui dimostrerò chi sono davvero".

la 14 è sua
Nzola è qui per "crescere e sognare in grande"

La Spezia - Tono pacato, sorriso largo quanto le spalle. Niente a che vedere con la furia che seminò il panico nella difesa del Piacenza la scorsa partita di play-off. C'era anche Guido Angelozzi sugli spalti a vedere M'Bala Nzola. Solo una conferma per il direttore tecnico aquilotto, che già ai tempi del Sassuolo lo voleva prelevare dalla Virtus Francavilla, prima che arrivasse il Carpi ad acquistarlo per 700mila euro. Oggi diventa un suo giocatore con lo Spezia di Vincenzo Italiano, che il suo nome lo aveva fatto già in estate. "Ma il Trapani non era disposto a cederlo - ricorda Angelozzi - Lui e Taugourdeau sono i due pupilli del mister. Quando si è affacciata la possibilità di prenderlo ci siamo fatti sotto, lo abbiamo interpellato già prima della fine dell’anno. Sapevamo che lui non sarebbe rimasto a Trapani. Ora farà parte della famiglia Spezia”.
L'addio al Trapani viene annunciato prima di Capodanno, lo Spezia riallaccia i contatti con il procuratore del calciatore che nel frattempo parte per le vacanze. C'è anche il Cosenza sulle tracce della punta, ma Angelozzi va sicuro. Domenica scorsa, quando Nzola torna in Italia, è già tutto fatto. Prestito gratuito con diritto di riscatto fissato a 900mila euro, senza obbligo. Percepirà lo stesso stipendio che gli assicuravano in Sicilia. “Anzi, ci tengo a sottolineare che ha rinunciato ad un mese di stipendio a Trapani per venire allo Spezia - dice Angelozzi - Può diventare nostro a fine anno ad una cifra importante, dipende da lui meritarselo. Se esprime il suo potenziale... qui non può fare a meno di crescere".

Chiaramente grande peso nella scelta ha avuto la presenza di Italiano, che ha allenato Nzola lo scorso anno. "Averlo come mister è stata un’esperienza positiva per me - dice il francese - Mi ha molto aiutato tatticamente, io lo conosco bene sia come metodologia di lavoro che come persona. Per me questo è un vantaggio". Di lui si dice: grandi doti ma limiti caratteriali. "Sì, ho fatto qualche scelta sbagliata a livello di comportamento in passato e me ne rendo conto - non si nasconde - Essere allo Spezia è un’opportunità di dimostrare chi sono veramente. Ho un carattere un po’... strano. A volte non lo capisco neanch'io!”.
Interviene Angelozzi: "Lui è uno che quando vede una cosa che non gli va bene, lo evidenzia immediatamente. Invece bisogna contare fino a dieci. Ma è una persona dolce. Vuole semplicemente giocare e vincere. La rabbia la vuole usare in campo. Da parte nostra, club e allenatore, ha tutta la stima”.
Avrà la maglia numero 14. La scelta è nata su suggerimento di uno dei suoi migliori amici al Trapani. "E' stato Jonathan Biabiany che mi ha detto 'se c'è la 14 libera, prendila'. E io l'ho fatto", sorride. Oggi ha già svolto il primo allenamento con i nuovi compagni. Ritrova tra gli altri Ramos, reduce anche lui dalla Sicilia. "Mi fa piacere essere di nuovo assieme, è un bravo calciatore. Per me lo Spezia è una squadra con giocatori forti. Possiamo fare di più e sognare in grande. Sono venuto qui per dare una mano".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News