Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 24 Febbraio - ore 17.56

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Non è arrivato nessuno

Italiano chiedeva almeno un terzino destro: niente da fare. Bloccata la cessione di Ferrer, per cui c'era una richiesta. Rimane una rosa extralarge e non molto equilibrata.

mercato deludente
Mauro Meluso

La Spezia - Un segnale che ha aperto una finestra sulle difficoltà dello Spezia in questa finestra di mercato. A metà pomeriggio la proposta al Crotone di scambiare Jacopo Sala con Andrea Rispoli. Il tentativo di mandare proprio ai calabresi il calciatore che allo Scida, davanti agli occhi di Stroppa, ha chiuso la sua avventura in aquilotto con una prestazione catastrofica. Il "no" del tecnico rossoblù è stato categorico. Più o meno in quel momento si sono infrante le chance di dare a Vincenzo Italiano un terzino destro.
Promesso, cercato e fallito. Niente da fare per Mazzocchi del Venezia. No dalla Spal per Dickmann. Ristovski dovrebbe essersi accordato con la Dinamo Zagabria. Ad un certo punto era stato proposto un giovane polacco. Niente da fare. Rimane Vignali e rimane Ferrer, che pareva ad un certo punto addirittura dover essere ceduto nel pomeriggio ma che alla fine è stato bloccato. Rimane anche Sala, che però difficilmente sarà reintegrato in rosa a meno di non voler lanciare un segnale di debolezza ancora più netto di quello che arriva da questo gennaio di calciomercato.

Tutto qui. A Milano c'erano il direttore del settore tecnico Mauro Meluso e, così pare, il presidente Stefano Chisoli. Nulla si quaglia. Ha di certo pesato il ritardo nel liberare spazio in organico nonostante gli addii di Bartolomei, Mora e Mastinu. Già ieri la situazione mercato sembrava bloccata e ogni contromossa da provare, fuori tempo massimo. E così quell'uno alla casella acquisti - Riccardo Saponara, che ha detto sì il primo giorno - rimane tale.
Non è più ricca la voce cessioni, che lascia un gruppo corposo da gestire, e non esattamente equilibrato. I quattro portieri, ma di questo si occupa Porracchio. La bellezza di tredici difensori: dodici e mezzo contando Sala ai margini. Sette centrocampisti dopo l'addio di Deiola, che lascia il posto di mezzala destra a Leo Sena. Otto gli attaccanti, di cui tre centravanti ma due infortunati. La squadra rivelazione della serie A evidentemente non ama facilitarsi la vita. Ci sono due velocità ben diverse tra quello che si vede in campo e quello che si è visto fuori. Chissà cosa passa per la testa di Italiano oggi. A lui e ai suoi ragazzi il compito di fare un'impresa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News