Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 17 Gennaio - ore 22.15

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Meluso e la Lazio: "La mia culla, ma il vero rimpianto è non aver preso la laurea"

A 14 anni lasciò Cosenza per Roma. "Ci si allenava a Tor di Quinto, vivevo in un albergo ai Parioli e lì ho fatto il liceo".

formello non esisteva
Meluso e la Lazio: "La mia culla, ma il vero rimpianto è non aver preso la laurea"

La Spezia - Un milione di lire al mese per il 18enne che era arrivato dalla Calabria poco più di un bambino per fare il calciatore. Tanto guadagnava Mauro Meluso nel 1983 quando con la Lazio esordì in serie A. E' lui l'ex della partita di sabato prossimo, visto che tra lo Spezia ed i biancocelesti gli incroci sono stati davvero scarsi storicamente. Si ricorda Libero Marchini, castelnovese, antifascista convinto che ha militato con i romani negli anni Trenta ed è rimasto nella storia perché fingeva sempre un prurito ad una gamba per evitare il saluto romano ad inizio partita. Più di recente Alberto Di Francesco, nello Spezia di Gallo e in quello di Marino dopo essere nato a Formello.
"Ai miei tempi invece non c'erano i centri sportivi di oggi. Ci allenavamo su un campo unico che si trovava a Tor di Quinto", ricorda Meluso, attuale direttore tecnico dello Spezia. Un bel centro, costruito in previsione delle Olimpiadi di Roma, che è stato utilizzato fino agli anni Novanta."Giocavo in una squadretta in Calabria, avevo 14 anni, e gli osservatori della Lazio mi chiesero di venire a Roma. Partii da solo, fu l'inizio di una carriera in cui ho cambiato venti città. Per questo dico sempre di essere figlio dell'Italia e di aver preso casa in autostrada".

Prima di trovare l'amore e una famiglia a Teramo, tutta la trafila con i biancocelesti. Esordio in serie B l'8 maggio del 1983. "Certo che lo ricordo, giocavamo contro la Reggiana e in quella Reggiana c'era Giovanni Invernizzi che ho ritrovato qua allo Spezia (responsabile settore giovanile, ndr) e con cui abbiamo parlato di quella partita. Alla Lazio ho fatto tutto il percorso dai giovanissimi fino alla serie A. La Lazio è stata la mia culla si può dire, anche se ormai sono passati tanti anni".
Tanti i giocatori che hanno fatto la storia in quello spogliatoio: Laudrup, D'Amico, Manfedonia, Giordano che chiuse da capocannoniere. Uno dei più esperti era Vinazzani, un altro approdato allo Spezia in anni recenti. Dopo la promozione in serie A l'arrivo di Giorgio Chinaglia da presidente e altre 12 presenze per il 19enne Meluso, autore di una doppietta contro l'Ascoli, prima di partire per un grande giro dell'Italia. "Io abitavo in un albergo in una zona bellissima dei Parioli, mi hanno fatto fare il liceo. Poi mi sono iscritto all'università La Sapienza. Avevo dato dieci esami a giurisprudenza, avevo passato il temutissimo diritto privato. La vita mi ha portato altrove, ma quello della laurea mancata è ancora il mio rimpianto".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News