Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 18 Luglio - ore 20.03

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Lo Spezia fa il nido a Follo fino al 2019, poi si vedrà

Ancora una stagione al Comunale, poi la convenzione scadrà. Nel frattempo si parla di completare il "Ferdeghini" e si studia il modo di sfruttare eventualmente il "Montagna".

Lo Spezia fa il nido a Follo fino al 2019, poi si vedrà

La Spezia - L'idea di tornare ad allenarsi in città c'è. Non manca neanche il tempo per organizzare lo sbarco della prima squadra dello Spezia Calcio nel capoluogo. Dove, rimane da capire. Ha scadenza a fine 2019 la convenzione tra il club bianco e il Comune di Follo per l'uso del campo sportivo comunale e delle strutture annesse. Sottoscritta nel 2013 e rinnovata nel 2016, varrà ancora per tutta la prossima stagione, ma già alla fine di quest'anno si dovrà iniziare a pensare a dove ospitare Maggiore e compagni. E lo Spezia si guarda attorno studiando gli scenari futuri.
E' l'architetto Nicola De Mastri, consigliere d'amministrazione della società, ad aver avviato una perlustrazione delle possibili destinazioni. Tra cui ci sarebbe anche il campo sportivo "Montagna". "E' un'ipotesi che abbiamo preso in considerazione all'interno del quadro che stiamo compilando. Sappiamo ovviamente che l'area è in concessione al Comune della Spezia dalla Marina Militare, ma per adesso i termini della convezione tra i due attori non lascia spazio a un club professionistico. Alcuni vincoli sono incompatibili con le nostre necessità".

E' in particolare la parte dell'accordo in cui i militari hanno garantito l'accesso indiscriminato a tariffe agevolate che rappresenta un freno per possibili investitori. L'idea di investire una cifra importante per rifare il terreno di gioco del campo di sopra (il cosiddetto Galoppatoio) - per ospitare una squadra come lo Spezia si parla di almeno 200mila euro - non può andare di passo che con l'esclusiva dell'utilizzo. Ad ogni buon conto la nuova amministrazione ha già avviato contatti con Difesa Servizi per vedere di limare i termini in questo anno che si preannuncia importante per tutto il centro sportivo.
Prima l'inaugurazione dello stadio dell'atletica, in mano alla Fidal, poi l'avvio della gestione sperimentale per capire come gli spezzini useranno l'area. A quel punto il bando per vedere se qualcuno si farà avanti per gestire la zona "ludica" e il Galoppatoio appunto. Insomma, con il 2019, dovrebbero esserci gli elementi per capire in che modo sbrogliare la matassa di un'area per cui oggi Palazzo Civico sborsa 100mila euro all'anno di canone di locazione.

Nel frattempo lo Spezia Calcio vorrebbe aver ripreso in mano il discorso relativo al completamento del "Bruno Ferdeghini" sponsorizzato Intels. Un nuovo campo a undici, ma soprattutto una foresteria da far sorgere nell'area alle spalle della tribuna, come da progetto originario. Lì dove serve una deroga al vincolo idrogeologico posto dalla Regione Liguria qualche anno fa. "Questa è un'opera che interessa al di là di tutto", sottolinea l'architeto De Mastri.
Da non scartare alla fine dei conti l'ipotesi che gli aquilotti continuino a fare il nido a Follo rinnovando un legame "fatto di buoni rapporti", come dice il sindaco Giorgio Cozzani. In questo caso i lavori da fare non sono molti, al di là della necessità di sanare i problemi riscontrati nella zona della palestra in tensostruttura, messa sotto sequestro nei mesi scorsi. "Da parte nostra c'è massima apertura ovviamente, penso si siano trovati bene da noi. Lontani dalla città, penso che ci siano anche i presupposti per lavorare con tranquillità".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










Come ogni estate, non c'è un giorno senza sagre. Che ne pensate?

































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News