Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 28 Settembre - ore 22.40

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

La scenografia perfetta per gli eroi che non ti aspetti

Da Vitale a Galabinov passando per Di Gaudio, ora ad essere in forma sono quelli che in stagione hanno avuto più problemi e meno tempo. E le cinque sostituzioni aumentano le loro chance.

l'ultimo miglio
La scenografia perfetta per gli eroi che non ti aspetti

La Spezia - Si può definire "una seconda linea" uno che in serie B ha segnato 52 gol? O chi vi ha esordito a 19 anni e conta 223 presenze in categoria? Oppure chi è stato promosso tre volte in serie A? Ecco, nello Spezia questi sono i curricula di tre che si candidano a diventare i protagonisti dell'ultimo atto. Destinati forse a lasciare un segno minore, o a non lasciarne affatto, e ora pronti a sfruttare l'occasione offerta da questa anomala stagione calcistica. Se qualcosina filtra dagli allenamenti blindati di queste settimane, è proprio la buona forma di alcuni elementi che non erano stati fortunati fino al momento dello stop.
Prendete Luigi Vitale, che rischiava davvero di chiudere la stagione con una manciata di minuti di campo. Una replica dei flop di Palladino nel 2018 o di Giannetti la stagione precedente. E invece il lockdown gli ha dato modo di riprendersi dall'infortunio patito a Follo al suo terzo allenamento agli ordini di Vincenzo Italiano, quando era la seconda settimana di febbraio. Adesso il napoletano diventa un'alternativa di esperienza per la fascia sinistra, giocatore con caratteristiche diverse e più offensive rispetto al titolare Marchizza.

Come diverse sono le qualità dell'altro mancino, Simone Bastoni, la cui ultima uscita in campionato risale addirittura al 9 novembre 2019. Quasi un girone fa, sul campo di Pisa, la lesione di primo grado al retto femorale della gamba sinistra che lo ha bloccato poi per mesi. Ha già riannodato il filo con il campionato invece Gennaro Acampora, già sceso in campo sei volte nel 2020 ed entrato nei radar del suo tecnico grazie all'impegno in allenamento. In totale però ha solo 262 minuti di serie B, lui che prima dell'infortunio di due anni fa chiudeva tra i 1.200 ed i 1.500. Le cinque sostituzioni e la necessità di gestire le forze donano a tutti nuove chance di esserci, anche all'argentino Tobias Reinhart, promosso dalla primavera e ormai inserito a tutti gli effetti in prima squadra.
Se uno dovesse proprio buttare giù una scenografia, il colpo di scena sarebbe da affidare ad Andrej Galabinov. Falcidiato dagli infortuni dal suo arrivo alla Spezia, ha riacceso le speranze di tutti all'esordio stagionale a Cittadella con una partita da dominatore. Poi di nuovo lo stop, l'operazione, la tribuna e l'attesa. La storia gli offre forse l'ultima occasione per abbracciare il destino di una piazza che l'aveva colto con tante aspettative. Come ha accolto Antonio Di Gaudio, giocatore da tre promozioni alle spalle, destinato a giocarsi il posto con Gyasi per via del ritardo di condizione di Bidaoui. A Verona fu già l'uomo dell'ultimo miglio, ma anche a Parma diede un grosso contributo nelle ultime dieci. Vedi mai...

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News