Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 24 Settembre - ore 13.01

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

La nuova B sembra la C1 girone A di vent'anni fa

Procede spedito il progetto di riforma del professionismo. Con la cadetteria sdoppiata ci sono Pontedera, Alessandria, Siena, Albinoleffe, Reggio Audace e persino Carrarese in ballo per la "promozione".

addio al girone unico?
La nuova B sembra la C1 girone A di vent'anni fa

La Spezia - Cinquantacinque anni per scappare dalla serie C. E poi lei magari ce ne mette solo una decina per ritornare a prenderti. Due gironi su base territoriale, le trasferte si accorciano, le sfide di campanile tornano. La riforma del campionato di serie B ventilata in questi giorni sarebbe una specie di deja vu per chi ha seguito le sorti dello Spezia "novecentesco". Un carpiato, non si sa quanto nostalgico, nel periodo pre 2006. Un periodo che magari molti degli occupanti le sedute del "Picco" hanno solo sentito raccontare, contando che delle ultime quattordici stagioni gli aquilotti ne hanno giocate ben dieci in cadetteria.
Un mondo che non ha lasciato grandi tracce video sulla rete, fatto di sfide domenicali a "chilometro zero" con corposo travaso di tifosi da una parte e dall'altra, senza biglietti nominali o permessi per esporre uno striscione. Il girone A della serie C1 è stata casa per buona parte degli anni Ottanta, Novanta e Duemila. La gloria e il blasone si cercava sui campi delle toscane e delle emiliane. Quasi tutte avrebbero fatto il salto in cadetteria prima dello Spezia a dire la verità, alimentando per paradosso l'orgoglio del Picco. La ruota alla fine è girata.
Pontedera, Alessandria, Siena, Albinoleffe, Reggio Audace e persino Carrarese. Ci sono tutte loro tra le formazioni che potrebbero essere cooptate per la nuova formula di un campionato sdoppiato, sotto la serie A. L'idea sarebbe portare su le prime sette di ciascuno dei tre gironi dell'attuale serie C. Poi ne servirebbero altre due a chiudere il conto se le retrocessioni dalla cadetteria venissero confermate, come sembra. E allora in ballo ci sarebbero anche Novara e Piacenza. Lo straordinario spazio di manovra concesso alla FIGC dal governo spinge verso un'accelerazione del progetto, Balata ne è uno dei fautori. Vantaggi ce ne sono parecchi in fatto di sostenibilità finanziaria dei club. Nel breve periodo si riuscirebbe a disinnescare la conflittualità della Lega Pro, che difficilmente riprenderà. Lo Spezia per ora ha occhi solo per quello che c'è in alto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




FOTOGALLERY






















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News