Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 17 Gennaio - ore 22.55

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

LO SPEZIA BY-NIGHT NON TRADISCE NELLA SETTIMANA PIU' DIFFICILE

Inizio contratto ma l'atteggiamento è quello giusto. La risposta del gruppo che ora è atteso alla riprova in esterna.

LO SPEZIA BY-NIGHT NON TRADISCE NELLA SETTIMANA PIU' DIFFICILE

La Spezia - SPEZIA-SALERNITANA 2-1
Marcatori: 36°pt Basso; 1°st Ragusa; 10°st Comazzi

SPEZIA:
Fiorillo; Enow (35°st Buscaroli), Fissore, Comazzi, Pedrelli (18°pt Marchini); Casoli, Buzzegoli, Musto, Basso; Musetti, Colombo (1°st Cesarini). A disp. Conti, Lollo, Herzan, Boldrini. All. Pane

SALERNITANA
Caglioni, Altobello, Oliveira, Accursi; Balestri, Carrus (29°st Ayres), Carcuro (21°st Szatmari), Pippa; Montalto (11°st Falzerano), Fava, Ragusa. A disp. Di Stasio, Legittimo, Russo, Litteri. All. Breda

Arbitro: Massimiiano De Benedictis di Bari
Assistenti: Colella di Padova, Mosca di Chivasso.
Ammoniti: Basso, Pippa, Comazzi
Recupero: 2'(pt), 5'(st)
Spettatori: 3427 (1992 paganti+1372 abbonati)

Pre-partita
20.21 - Serata fredda allo stadio "Alberto Picco", Spezia-Salernitana è gara delicatissima. Aquilotti che si giocano soprattutto la residua credibilità davanti ai tifosi. In Ferrovia appare uno striscione dal titolo: "Ultras=curva", nei distinti lato B campeggia lo striscione "La Spezia" con l'aquila bianca.

20.24 - Nei distinti buon colpo d'occhio, al momento comunque larghi vuoti nello stadio. Diretta Rai Sport alle 20.45. Presenti in buon numero anche i tifosi della Salernitana.

20.30 - Pane conferma la squadra prevista: IL 4-4-2 è quello delle ultime due apparizioni con Comazzi in luogo dello squalificato Bianchi e Musetti al posto del ritirato Saudati.

20.34 - Contestazione aperta da parte del settore B dei distinti nei confronti del ds dello Spezia Massimo Varini poi ce n'è anche per Alessandro Pane e Vito Grieco. Cori inneggianti al presidente dello Spezia Gabriele Volpi. In curva vengono distribuiti cartoncini bianchi per una coreografia.

20.39 - Presenti fra gli altri il calciatore Ighli Vannucchi, gli ex Coti e D'Aloisio, l'allenatore di calcio Silvio Baldini. E il ritorno più bello, quello di Nunzio Lazzaro.

20.40 - Pubblico attestabile intorno alle 2500 unità, pochi minuti al via. Partita posticipata di cinque minuti per problemi a Rai Sport.

20.42 - Tanta gente, almeno un centinaio di persone, ancora alle biglietterie per acquistare il tagliando. Pubblico che sale ad almeno 3mila spettatori.

20.45 - Parte il vecchio inno dello Spezia. Tutto pronto, squadre che stanno per fare il loro ingresso in campo. Una volta entrate parte anche l'inno nuovo. L'atmosfera, al di là di tutto, è da Picco by night. Anche la curva chiede ai giocatori di tirare fuori gli attributi.

Primo tempo
Dopo una settimana campale, fra polemiche, contestazioni, divisioni, finalmente si torna in campo. Si gioca alla luce dei fari e davanti alle telecamere di Rai Sport, subito protagoniste dato che per problemi tecnici la partita inizia con 5 minuti di ritardo.
E' una notte particolarissima soprattutto sugli spalti: in curva il gruppo Ultras, nel settore B dei distinti oltre ai gruppi già presenti il neo nato “La Spezia” e al loro fianco una settantina di tifosi della Salernitana (quelli senza tessera del tifoso), evidentemente emigrati visto che era vietata la vendita libera in tutta la Campania con i quali è nata un'amicizia nella gara d'andata. Il tifo non manca, la curva inscena una coreografia con cartoncini bianchi, nei distinti la voce e i fazzoletti bianchi per l'attesa Panolada. Ognun per proprio conto ma l'inizio è da “Picco” by night.
Venendo alla gara, la tensione in campo è palpabile: entrambe le squadre per motivi opposti vivono una stagione difficile e l'approccio non può che essere contratto, studiato, per non scoprirsi e prendere le misure sull'avversario. La prima emozione la genera un tiro improvviso di Basso al 10° che scende non abbastanza, finendo di un palmo sopra la traversa. Dopo 16 minuti prima tegola: si fa male Pedrelli (stiramento?), entra Marchini. Enow va a presidiare la sinistra e l'ex livornese si mette a destra. E mentre la Ferrovia inizia a contestare anch'essa la direzione sportiva, al 18° Colombo se ne va di forza e tenta una conclusione dal limite che impegna Caglioni alla respinta. Un minuto dopo da un corner ben tagliato dalla destra, per poco Fava non ne approfitta ma impatta male sulla sfera che finisce fra le braccia di Fiorillo. Al 22° episodio dubbio in area salernitana: Colombo riesce ad appropriarsi di una palla che sembrava persa e subisce una spinta alle spalle. L'arbitro non ha dubbi e fa segno di rialzarsi, giustamente. Un minuto dopo splendida azione aquilotta: Musetti vede il movimento a rimorchio di Buzzegoli e lo serve al centro, mezza rovesciata che finisce non più di un metro sopra la traversa. Applausi per l'ex varesino.
Lo Spezia ha l'atteggiamento giusto, lotta su ogni palla e si mostra vivo, niente a che vedere da quello che ha perso inopinatamente a Como. Al 31° altro episodio dubbio in area campana: ancora Colombo viene a contatto con Accursi e cade ma anche stavolta De Benedictis dice che si può proseguire.
Al 36° però la partita si sblocca: Spezia cinico e fortunato perchè prima Accursi sbaglia clamorosamente il controllo facendo involare Musetti sulla fascia, poi quando l'ex cremonese mette al centro, è Balestri a toppare in pieno (tradito da un rimbalzo fasullo sul solito terreno inaccettabile), non pensando forse di essere pressato da Basso, che gli ruba il tempo e con una puntata buca Caglioni. Prima soddisfazione in maglia bianca per l'esterno chiavarese. Al 45° erroraccio di Comazzi in alleggerimento, la Salernitana parte in contropiede ed è proprio il difensore centrale a fermare fallosamente Fava lanciato a rete: per lui cartellino giallo inevitabile.

Secondo tempo
Si riparte con una novità: capitan Colombo deve lasciare per una botta, al suo posto entra Alessandro Cesarini. L'incredibile avviene subito: passano soltanto 40'' quando Ragusa, dall'out destro, fa partire un tiro-cross che Fiorillo invece di alzare sopra la traversa smanaccia nel sacco. Cose da pazzi, specie per una squadra che fa una fatica bestiale a rendersi pericolosa e che infatti nella prima frazione era passata per un doppio infortunio della retroguardia ospite.
E invece stavolta la reazione degli aquilotti è furente: Cesarini si muove bene fra le linee ma è da calcio piazzato che gli aquilotti tornano in vantaggio. Minuto 10, calcio d'angolo da destra calciato da Buzzegoli, testa di Cesarini, respinta sulla linea ma in traiettoria c'è Comazzi che di prima intenzione ribadisce in rete con un tiro che colpisce il palo e si insacca.
Lo Spezia rimette la testa avanti e soltanto un minuto dopo potrebbe triplicare: Cesarini riceva ai venti metri, spostato sulla destra, fa partire un tiro a girare su cui Caglioni compie una parata plastica, spettacolare. Il pubblico applaude, lo Spezia gioca a tratti un bel calcio.
La fase di gioco successiva è nelle mani della squadra di casa che, indipendentemente dal risultato finale, conferma il suo andamento double-face fra gare in trasferta e al “Picco”: stasera l'atteggiamento è quello giusto, coriaceo, volitivo al cospetto di una Salernitana che gioca e fa giocare, diversamente da tante squadre incontrate in stagione.
Al 25° infatti i granata rischiano di rovinare la festa: il solito Ragusa scappa in contropiede e mette al centro, Fissore rinvia male e Carrus calcia di prima intenzione trovando Fiorillo pronto ad una splendida risposta che salva il risultato e lo riscatta dall'episodio del pareggio.
Lo Spezia si riaffaccia dalle parti di Caglioni con una ripartenza di Cesarini che tenta un pallonetto dalla lunga distanza che tuttavia non sorprende il portiere ospite.
Al 35° Pane toglie Enow, serata non semplice contro il velocissimo Ragusa: entra Buscaroli che garantisce centimetri. Fissore va sulla destra e Marchini a sinistra per uno Spezia che passa alla difesa a uomo. Finale complicato contro una Salernitana mai doma, che tenta in tutti modi di pervenire al pari.

Finale thrilling
I cinque minuti di recupero sono una specie di film thriller, lo Spezia teme di non vincerla, gli spalti provano ad incitare ma la tensione è alle stelle anche perchè davanti Cesarini costruisce tanto quanto sbaglia e Musetti gioca un secondo tempo da perfetta comparsa. Ma la notte, impreziosita da una stupenda luna che campeggia nel cielo del Golfo, racconta di un "Picco" convinto dalla prestazione di una squadra che per dirsi davvero credibile deve cambiare registro fuori: dopo una settimana così però i tre punti di stasera sono già tanta roba. La riprova a Crema, i punti dai playoff oggi sono 4 e in settimana, in caso di penalizzazione della Salernitana, diventeranno 2. Ma va detto che davanti c'è un gran traffico e numeri alla mano bisogna iniziare a correre in trasferta come mai è stato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News