Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 22 Maggio - ore 09.48

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

L'indagine sui calciatori nigeriani è partita dal Rijeka di Miskovic

Dal 2015 la Fifa cerca di vederci chiaro su alcuni trasferimenti da Abuja all'Europa.

multe a club e federazione
L'indagine sui calciatori nigeriani è partita dal Rijeka di Miskovic

La Spezia - E' iniziata in Croazia l'indagine sul trasferimento dei calciatori nigeriani che ha portato questa mattina ai provvedimenti che hanno colpito i vertici dello Spezia Calcio. Secondo alcuni documenti entrati in possesso del consorzio EIC (European Investigative Collaboration ) e resi pubblici dal tedesco Der Spiegel, la Fifa avrebbe iniziato ad accendere un faro sui trasferimenti di sei giocatori nigeriani dall'Africa al Rijeka avvenuti tra il 2012 e il 2016. Almeno un caso è stato accertato di un atleta che avrebbe ottenuto la prima iscrizione da calciatore presso la Nigerian Footbal Federation, salvo poi conseguire un secondo “primo tesseramento” con la Federazione calcistica croata una volta arrivato in Europa. Un meccanismo che aveva evitato in questo modo di passare attraverso il procedimento richiesti per i trasferimenti internazionali. Il passo decisivo è l'ottenimento di un Certificato internazionale di trasferimento (ITC), di cui esistono tre tipologie a seconda se il giocatore sia un dilettante, un professionista maggiorenne o un minorenne. In nessun caso, va detto, è però possibile tesserare un calciatore extracomunitario minorenne.

Nel corso del 2017 e del 2018 la Fifa avrebbe quindi aperto una serie di istruttorie nei confronti della Federazione Croata, della Figc e di alcuni club, anche italiani Per il caso che nel 2015 ha aperto una finestra su queste transazioni scorrette – relativo al calciatore Goodness Ohiremen Ajayi, prodotto dell'Accademia di Abuja e oggi attaccante dell'Inter Zapresic - la Federazione Croata è stata multata per 16mila franchi svizzeri dalla Fifa. Per il Rijeka di Damir Miskovic, ai tempi anche presidente della stessa accademia nigeriana, invece sarebbe stata proposta una sanzione di 10mila franchi nello stesso contesto. Da qui l'indagine si è allargata fino a includere casi sospetti di calciatori che sarebbero arrivati in Europa ancora minorenni, affidati a un tutore legale e tesserati da dilettanti in squadre-parcheggio fino al compimento della maggiore età. Proprio il tipo di contestazione che oggi viene mossa ai dirigenti aquilotti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News