Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 21 Febbraio - ore 19.10

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Juande è tornato: "Ora ho tutto, lo vedrete in campo"

Ha riabbracciato la causa aquilotta dopo un periodo in patria. "Grazie al club e al mister della sensibilità, la felicità viene prima del calcio. Mi sono allenato con l'Almeria e sto bene, voglio andare a duemila e meritarmi la riconferma".

Juande è tornato: "Ora ho tutto, lo vedrete in campo"

La Spezia - "Io mi sono sempre sentito uno di loro, e ne ho avuto la conferma quando oggi sono arrivato a Follo e ho visto le facce contente dei miei compagni". Juan de Dios Prados Lopez, detto Juande, è tornato. A ottanta giorni dall'ultima presenza in campionato sul campo del Venezia, il metronomo spagnolo ha toccato lunedì il suolo italiano dopo aver volato da Almeria a Barcellona e da Barcellona a Milano. Le faccende personali che lo hanno tenuto lontano dalla maglia bianca rimangono confinate nel sacro alveo della riservatezza e degli affetti. "Ma ora ho tutto: la famiglia sta bene e siamo tutti qua. Sul campo si vedrà il risultato", dice l'andaluso.

L'abbiamo lasciata mentre usciva dal campo al "Penzo" per un infortunio. Oggi come sta?
“Quell'infortunio a Venezia è arrivato in un momento in cui mi sentivo bene, giocavo da tre partite di seguito ed ero in crescitao. Il colpo mi ha fatto molto male, ci ho messo un mesetto circa a stare meglio, nel frattempo sono dovuto andare in Spagna. Di questa possibilità ringrazio la società perché si sono comportati benissimo con me. Ho parlato con i compagni, con lo staff tecnico e con il diesse prima di andare via. Sapevano che pensavo sempre a loro, chiamavo per sentire come stavano. Ho visto tutte le partite dello Spezia e ho sofferto con loro".

Si è allenato nel suo periodo in Andalusia?
"Sì, ci siamo guardati attorno e, di concerto con la società, abbiamo chiesto la possibilità di aggregarmi all'Union Deportiva Almeria che gioca in Liga 2. L'abbiamo scelta perché era il club con il livello più alto della zona dove mi trovavo. A parte la prima settimana dal mio arrivo in Spagna, poi non ho più mancato neanche un allenamento. Personalmente mi sento pronto, nel senso che non ho perso il tono atletico. Potrei già allenarmi normalmente insieme ai compagni, oggi abbiamo preferito fare lavoro in palestra perché venivo dal viaggio".

Cosa le ha detto mister Gallo quando l'ha rivista?
"Avevamo parlato prima di andare via, c'era stata una piccola riunione per spiegargli il mio pensiero. Tutti mi hanno capito, anche il mister si è dimostrato comprensivo. Prima del calcio nella vita conta la felicità. L'ho visto stamattina insieme ai miei compagni, mi hanno detto che servivo come il pane. La verità è che siamo una squadra senza fenomeni e serve l'aiuto di tutti per risalire in classifica".

Nel frattempo però è cambiato il modulo, ora a centrocampo c'è un rombo.
"E' un sistema che ho già fatto. Per me che sto in mezzo è anche meglio perché hai ancora più punti di riferimento di fronte a te e c'è ancora maggiore possibilità di far girare il pallone. Il mister ha tanti giocatori a disposizione con caratteristiche diverse l'uno dall'altro. Ora so che dovrò aspettare la mia opportunità con pazienza. Avevo tantissima voglia di tornare e ora che sono tornato ho voglia di tornare il Juande del primo anno con Bjelica".

Bolzoni permettendo. Ha preso il suo posto davanti alla difesa e ha fatto molto bene.
"Lo so e sono contentissimo perché siamo ottimi amici. E' stato uno dei compagni con cui mi sono sentito più spesso in questo periodo. Lo ringrazio di cuore della vicinanza e gli faccio i miei complimenti. Tutti dobbiamo mettere il nostro lavoro a servizio della squadra per prenderci i tre punti ogni settimana".

Nella piazza si era generata una certa apprensione per la sua assenza...
"Lo capisco. Mi hanno detto che si temeva fossi andato a cercare un'altra squadra, ma non è affatto così (l'espressione è ben più forte, ndr). Mi mancano sei mesi alla fine del contratto con lo Spezia e per me da adesso c'è un'opportunità vera di dimostrare che posso rimanere qua per altri anni. Sono contento, nella mia testa c'è solo il pensiero di fare un grande girone di ritorno. Ora ho tutto: la famiglia sta bene e siamo tutti qua. Sul campo si vedrà. Ci vorrà qualche partita per prendere il ritmo, ma ora vedo il bicchiere quasi pieno. Sono pronto ad andare a duemila".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










I SONDAGGI DI CDS

Matteo Salvini ha proposto la reintroduzione della leva obbligatoria per i giovani maschi. Tu che ne pensi?
































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News