Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 18 Settembre - ore 00.12

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Italiano scuote la rete e il coro diventa boato | Foto

A Follo l'abbraccio dei tifosi alla squadra in vista dei playoff. Sabato sera la gara di andata con il Chievo.

Il grido "Serie A" non è tabù
Italiano scuote la rete e il coro diventa boato

La Spezia - È un grido di gioia che era rimasto strozzato. Intrappolato nelle gole, schiacciato dal peso della pandemia che ha messo in secondo piano qualsiasi cosa. E poi ancora esiliato dallo stadio, dove la passione popolare trova la sua espressione. Un’energia che non poteva non trovare una sua via di fuga. Così la forza della scarica si misura nei bambini esausti che tornano verso le macchine in braccio ai padri quando i circa 400 tifosi dello Spezia lasciano il parco pubblico di Follo dove hanno potuto incontrare, a debita distanza, i giocatori che hanno saputo condurre la stagione migliore di sempre in serie B.
Un caos ordinato ha guidato dal parcheggio, ultras in testa, il popolo aquilotto fino alla rete che divide lo sgambatoio per i cani dal centro sportivo aquilotto. Bandiere, fumogeni, cori. Soprattutto tanti sorrisi, perché tra la moltitudine ci sono persone abituate a vivere lo stadio come il loro momento di incontro e che i cancelli sprangati della curva ferrovia hanno tenuto lontani fino ad oggi, hanno rarefatto gli incontri.

Italiano comanda le ultime esercitazioni, poi concede il rompete le righe. E quando la nebbia arancione si dirada, i calciatori possono avvicinarsi alla rete che li divide dalla folla cantante. Si pronuncia la parola serie A, senza timori e senza stupide scaramanzie. Applaudono i tifosi, applaudono gli atleti, applaudono gli addetti in terza fila.
Parte il coro spontaneo per Vincenzo Italiano e lui a quel punto arriva fin sotto la rete, l’afferra con entrambe le mani e la scuote. E quel coro diventa boato. Allora anche i calciatori fanno un passo avanti, danno le spalle alla valanga di voci ma solo per poter rimanere in una foto. Sono parte del “noi” che fa sognare la città sportiva. Non è troppo tardi per farsi trascinare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fotogallery

Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News