Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 16 Gennaio - ore 15.24

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Italiano porta il suo Spezia nella tana del Cagliari. Là dov'è dura per tutti

Fischio d'inizio alle 18 alla Sardegna Arena: il ruolino di marcia di Di Francesco in casa è ottimo tanto quanto quello di Italiano fuori. Rossoblù afflitti dal Covid ma anche lo Spezia ha le sue assenze. Pregi e difetti a confronto.

Le probabili formazioni
Italiano porta il suo Spezia nella tana del Cagliari. Là dov'è dura per tutti

La Spezia - Se Cagliari e Spezia, di fronte questo pomeriggio alla Sardegna Arena con fischio d'inizio affidato al romano Marini saranno fedeli alla loro filosofia, è molto possibile che la gara sarà bella ed aperta a qualsiasi evoluzione. Lo dicono le prime convincenti uscite delle due squadre che pur con caratteristiche e qualità differenti, fino ad oggi hanno assicurato prestazioni significative. Di fronte, a partire dalle 18, i sardi di Di Francesco che devono fare i conti con le assenze, tante: il Covid ha fermato Godin, Simeone e Nandez ma c'è apprensione per i tamponi fatti ieri pomeriggio dai giocatori: la paura è quella di perdere qualche altro titolare. Non se la passa certo meglio Vincenzo Italiano che con le defezioni fa i conti praticamente dall'inizio del 2020 fra serie B, playoff e inizio dell'avventura in massima seria, praticamente senza una pausa nel mezzo. Oltre ai ben conosciuti lungodenti, aquilotti in Sardegna anche senza Mattiello, Mora e Pobega.

Gli andamenti. Il Cagliari la intepreterà con il giusto impegno, basta leggere le parole di Di Francesco che nella conferenza stampa ha significato le caratteristiche dell'avversario, complimentandosi con il suo allenatore: sardi che vengono dalla sconfitta di Torino e dalla qualificazione al fotofinish in Coppa Italia. In casa però arriva da 4 vittorie di fila in casa, 4-2 sul Crotone in A, 1-0 sulla Cremonese in coppa, 2-0 sulla Sampdoria in A, 2-1 sul Verona in coppa; ultima squadra uscita indenne dalla “Sardegna Arena” la Lazio, vittoriosa 2-0 lo scorso 26 settembre in campionato.
Dal canto suo lo Spezia è reduce da 3 successi esterni di fila: 2-0 a Cittadella in coppa, 3-0 a Benevento in serie A, 4-2 a Bologna dopo overtime in coppa. E’ dal 2011/12 che lo Spezia non fa poker: all’epoca, fra dicembre e gennaio, in I Divisione Lega Pro, vinse, nell’ordine a casa del Sudtirol, a Latina ed Andria (sempre per 2-1) ed a Piacenza (1-0).

Le probabili formazioni. Entrambi gli allenatori hanno studiato le contromosse obbligate: Maggiore potrebbe avere una chance anche in campionato dopo la buona prestazione in Coppa Italia. Davanti Farias, a segno al Dall'Ara appena entrato in campo, scalpita per giocare la partita da ex e probabilmente verrà accontentato. Spezia che dovrebbe schiararsi con il solito 4-3-3 che vede Provedel a guardia della rete, difesa a quattro Ferrer, Erlic, Terzi, Bastoni; Estevez, Ricci, Maggiore; Gyasi, Nzola, Farias. Variazioni sul tema Sala per Ferrer e Marchizza per Bastoni, anche a gara in corso. In casa rossoblu l’attacco è l’incognita anche per Di Fra, che in coppa si è affidato a Cerri ed è stato ripagato, ma il favorito potrebbe essere Pavoletti. Il dubbio è sull'esterno sinistro difensivo. Ballottaggio tra Tripaldelli e Pisacane con il primo favorito mentre Marin e Rog saranno la Maginot davanti alla difesa, con Ounas e l'ex viola Sottil gli esterni alti. Massima attenzione nei confronti di Joao Pedro che di Francesco lascerà libero di variare, passando fra una linea all'altra per sfruttarne le dote di suggeritore e realizzatore.

A confronto. Si tratta del primo confronto in gare di serie A. Nei sette precedenti il bilancio è in equilibrio con tre successi, un pareggio e tre sconfitte. Nessuna squadra ha segnato più gol sugli sviluppi di calcio d'angolo di Cagliari e Spezia: tre per parte. Le statistiche raccontano che il Cagliari è la squadra regina delle espulsioni a favore dopo 8 turni della serie A 2020/21: 3 finora quelle ricevute dai sardi. Di contro i sardi appaiono distratti prima dell'intervallo: 6 i gol subiti dai sardi tra 31’ e 45’ di gioco inclusi recuperi, nessuno peggio dopo 8 turni della serie A 2020/21, su 17 totali, di fatto un terzo del bottino globale incassato. Dal canto suo lo Spezia è suo malgrado la squadra regina dei gol subiti nei primi 15’ di gioco nella serie A 2020/21: 4 le reti al passivo per le “aquile” dopo 8 giornate. Infine lo Spezia, accanto alla Roma, è una delle due formazioni della serie A 2020/21 che, dopo 8 turni, subisce il maggior numero di rigori: 3 per parte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News