Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 30 Settembre - ore 10.41

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Il momento più alto della storia dello Spezia Calcio

Il gioco offensivo è la vera costante delle squadre aquilotte più vincenti della storia in serie B. Italiano prende una sedia e si accomoda accanto a Vilmos Wilheim e a Guido Gianfardoni. E il sogno continuerà anche dopo.

mai terzi in serie B
Il momento più alto della storia dello Spezia Calcio

La Spezia - Il miglior piazzamento della storia aquilotta in serie B è lì ad un passo. Male che vada venerdì sera, Vincenzo Italiano prende una sedia e si accomoda accanto a Vilmos Wilheim e a Guido Gianfardoni diventando il terzo allenatore a portare lo Spezia tra le prime quattro della serie B. Soffia via la polvere dalla copertina e cerca la prima pagina bianca disponibile in un tomo che non veniva toccato da tantissimo tempo. C'erano andati vicino Marino e soprattutto Bjelica in tempi recenti, invece quell'inchiostro indelebile tocca ad un debuttante che pare attirato verso l'alto dalla gravitazione universale che regola le parabole più imperscrutabili del pallone.

L'ultima volta che lo Spezia si trovò a giocare per il terzo posto finale era il 16 maggio del 1937. Pareggiò contro il Venezia e arrivò quarto ad un punto dal Modena. Non c'era d'altra parte molta differenza tra l'una e l'altra posizione: ormai l'Atalanta era irraggiungibile al secondo posto e già sicura della serie A insieme al Livorno e stato proibito anche solo pronunciare la parola play off. Ottantatrè anni dopo siamo di nuovo lassù. In mezzo ci sono due generazioni e mezzo di tifosi che hanno masticato serie C per tutta la loro vita sugli stessi gradoni che oggi cullano ben altri sogni. E verrebbe voglia di andare a portare un filo d'erba del Picco ad ognuno di loro per avvicinarli ancora una volta a casa in questo momento storico.
E' quasi la vetta della storia aquilotta. Se non fosse che dopo, in ogni caso, ci sarà da giocare ancora per inseguire il sogno e che comunque ciò che avvenne nel 1944 non potrebbe essere superato in epicità neanche da uno scudetto di oggi. Il terzo sarebbe posto sarebbe il primo. Anche nel campionato 32/33 lo Spezia arrivò quarto, ancora una volta dietro il Modena di un punto, ma con Livorno e Brescia molto più staccate. Fu il campionato che lanciò Germano Mian, poi sodale di Nereo Rocco a Trieste e Napoli e ai tempi punta di diamante della squadra di Vilmos Wilheim.

A Bjelica nel 2015 mancò un punticino per agganciare Bologna e Vicenza, terza e quarta ma appaiate, in un campionato che divertì almeno quanto questo. I gol non mancarono neanche nella B 1941-42, finita con un sesto posto ma anche con il miglior attacco del campionato. Erano le fenomenali "tre C", che quell'anno andarono tutte in doppia cifra: 24 reti per Costanzo, 17 per Castigliano e 12 per Costa. Uno Spezia a trazione anteriore che anche la stagione successiva, con Ottavio Barbieri in panchina, chiuse sesto ed esaltò i suoi attaccanti. Sembra davvero questa la costante in questa carrellata di squadre che hanno fatto sognare: il gioco offensivo, che si confà al carattere del gioco in sé ma anche del popolo.
Così anche Luigi Scarabello ne mandò addirittura quattro in doppia cifra nel 49/50 culminato con un sesto posto. Erano Broccini (10 gol), Reddi (12), Malavasi (15) e Pozzo (18). Conferma la teoria l'ultimo sesto posto, quello di Pasquale Marino. Non deve stupire che i precedenti storici siano polarizzati tra un passato molto remoto e un presente molto attuale. Lo Spezia è nel momento più alto della sua storia all'interno del decennio più alto della propria storia. E neanche la pandemia e i cancelli chiusi del Picco potranno impedire di dire "io c'ero" a chi se n'è reso conto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News