Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 16 Ottobre - ore 23.40

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Il caso Maggiore: da "pezzo pregiato" del mercato alla conferma forzata

Il talento made in Golfo dei Poeti doveva essere il primo a partire e invece è rimasto: Angelozzi non ha voluto cederlo alle cifre al ribasso proposte dalla Spal ma il giocatore a febbraio si svincolerà e potrà accordarsi con i promessi ferraresi.

ai margini per un anno?
Il caso Maggiore: da "pezzo pregiato" del mercato alla conferma forzata

La Spezia - Una delle altre "questio" del calciomercato aquilotto non può che essere Giulio Maggiore. Dato per sicuro partente all'indomani della fine dello scorso campionato, alla fine è rimasto in maglia bianca ma senza il rinnovo proposto a suo tempo dallo Spezia e rifiutato dai procuratori Martinelli e Coti che valutano il classe 1998 in ben altro modo. Una questione di cifre, una distanza non siderale fra proposta e richiesta (circa 60mila euro) ma nessun approdo compromissorio fra le parti. A suo tempo il trio Micheli-Chisoli-Andrissi, che avevano confezionato la proposta alla fine del mercato estivo di un anno fa (il precedente contratto, che scade a giugno 2019, fu firmato con il giocatore ancora minorenne) non è stata poi ritenuta sufficiente dagli agenti che durante l'inverno hanno raccolto l'interessamento della Spal, pronta a prendere il giocatore in questa tornata o, senza fretta, a febbraio quando il giocatore si svincolerà e potrà liberamente accordarsi senza alcun indennizzo.

Almeno sino a gennaio Maggiore rimarrà allo Spezia, resta da capire se dentro il progetto o da "separato in casa": lo decideranno Angelozzi e Marino, due che su queste cose hanno sempre avuto le idee chiaro, anche in passato. Il rischio è tutto del giocatore, lo Spezia ci perde un po' di soldi (ma non così tanti come le valutazioni virtuali dicevano), la Spal, che facendogli firmare il triennale tenuto comunque in caldo, lo avrebbe comunque mandato in B a giocare, attende sulla riva del fiume. Il problema semmai è tutto di Maggiore che forse si è trovato spaesato dalla fermezza di Angelozzi che non ha ceduto all'offerta dei ferraresi, considerata al ribasso (si parla di 150-200mila euro, non di più), da parte del diesse Vagnati: a questo punto, Maggiore deve rimanere e potrebbe finire ai margini davvero, non giocando nemmeno una partita da qui a giugno. Sempre che Angelozzi e Marino non lo considerino invece parte del patrimonio da utilizzare o che il giocatore trovi un accordo, a questo punto clamoroso, per allungare con lo Spezia e pensare il prossimo anno ad eventuali nuove esperienze. Il club non ha mai chiuso la porta per partito preso, ma non ha nessuna intenzione di cambiare la proposta fatta a suo tempo e che in un primo momento sembrava poter bastare a convincere il giocatore. Il duo Martinelli-Coti ha anche la procura di Vignali, grande amico e compagno di camera di Maggiore, che invece dovrebbe allungare nei prossimi mesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News