Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 11 Dicembre - ore 19.33

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

I conti non tornano, Spezia in credito con la fortuna

Le quattro sviste arbitrali che non fanno dormire Di Carlo. Tre sono avvenute negli scontri diretti contro Benevento, Spal e Frosinone. Il gol annullato a Terzi è clamoroso quanto quello negato a Granoche.

I conti non tornano, Spezia in credito con la fortuna

La Spezia - Quattro attimi che potevano disegnare un percorso diverso per lo Spezia, pur nelle avversità. Il gol non visto dall'arbitro Daniele Martinelli in Brescia-Spezia è solo l'ultimo episodio che lascia l'amaro in bocca a Mimmo Di Carlo e ai suoi ragazzi. "Quest'anno non siamo per niente fortunati negli episodi, diciamo così", dirà il tecnico nella sala stampa del "Rigamonti" con la solita pacatezza, per poi parlare della mancanza di cinismo dei suoi ragazzi. Perché ognuno è artefice del proprio destino, ma certo ci sono momenti in cui un po' di buona sorte basta a spostare l'ago della bilancia da una parte o dall'altra.
Quella pronunciata da Di Carlo è una frase già sentita in altre occasioni in stagione. Sia chiaro: sono spesso situazioni al limite, in cui l'errore di valutazione è sempre possibile. Ma che purtroppo hanno dato torto alle lecite richieste degli aquilotti in alcuni momenti fondamentali della stagione. Perché, ad acuir la sfortuna, ci ha pensato il fatto di aver subito tre decisioni discutibili in tre scontri diretti per le zone nobili della classifica. A Benevento e a Ferrara contro la Spal e in casa contro il Frosinone nel girone d'andata. A Brescia tre giorni fa, con il gol del 2-0 negato clamorosamente, i risultati delle altre avrebbero permesso ai bianchi di accorciare sul quarto posto.


Benevento-Spezia: Buzzegoli trattiene Sciaudone.
E' il 29 ottobre del 2016, dodicesima giornata. Gli aquilotti scendono sul campo dei campani neopromossi. L'episodio che lascia dubbi avviene al 40esimo del primo tempo. Chichizola serve con un rilancio millimetrico Baez che parte insieme a Sciaudone verso la porta avversaria, evita un difensore e stampa un sinistro sul palo. La sfera torna verso il centro dell'area, il centrocampista che l'aveva seguito nella sgroppata offensiva sterza per raggiungerla, ma Buzzegoli che lo insegue allunga il braccio e Sciaudone cade a terra. Per l'arbitro Eugenio Abbattista, non lontano, non c'è niente. Eppure le immagini lasciano più di un sospetto. Sarebbe stato rigore e cartellino rosso. La partita finirà 1-0 per i padroni di casa.

Al minuto 0:25



Spezia-Frosinone: ma cosa ha visto l'arbitro Minelli?
Ha veramente dell'incredibile la rete annullata a Terzi alla diciannovesima giornata, il 3 dicembre del 2016. E' il 29esimo della ripresa quando il capitano aquilotto tira fuori dal cilindro un gesto tecnico d'alta scuola: rovesciata da posizione defilata e pallonetto imparabile che si infila sotto la traversa battendo un Bardi in grande giornata. Lo Spezia capitalizza un dominio durato un'ora di gioco, ma l'arbitro Daniele Minelli annulla mentre il suo stesso assistente corre verso il centro del campo.
Il motivo? Non si capisce: sentire la telecronaca televisiva e leggere i live di quella giornata testimoniano ancora oggi dell'incomprensibilità della decisione. Un fuorigioco? Un fallo di mano di Piu? Niente di tutto ciò: a fine partita si scopre che è una trattenuta di Sciaudone su Paganini in area. Ma questa trattenuta, tutta da dimostrare, avverrebbe ben distante dal punto in cui la palla varca la rete. L'ala di Marino non sarebbe mai arrivato su quel pallone, in ogni caso. E' in pratica lo stesso episodio di Sciaudone a Benevento, ma letto in maniera diametralmente diversa. In un caso non è valso un rigore allo Spezia e nell'altro cagiona l'annullamento della marcatura di Terzi. La partita finirà 0-0.

Al minuto 1:05



Spal-Spezia: Mora parte in fuorigioco.
Il 10 dicembre 2016, alla diciottesima giornata, lo Spezia è di scena a Ferrara contro la Spal. Va presto in vantaggio con Piccolo, ma viene raggiunto al 36esimo del primo tempo da un colpo di testa di Mora su calcio di punizione. Ma quando Beghetto mette il pallone in area di sinistro, il centrocampista parte in fuorigioco quasi a ridosso della linea di porta. Tuttora il fermo immagine testimonia questa verità.
Chiamata difficile, tanto è vero che nessuno dei giocatori aquilotti se ne accorge avendo l'avversario alle spalle. Se ne accorgono invece Di Carlo e Valigi in panchina, sbracciandosi per segnalare il fatto. Assolto forse l'arbitro Ivano Pezzuto, ma il suo assistente è in linea e guarda proprio in quella direzione. Forse disturbato dalla nebbia? Fatto sta che la Spal vincerà 2-1.

Al minuto 0:40



Brescia-Spezia: la palla è dentro di mezzo metro
Sul gol non convalidato a Granoche sabato scorso al "Rigamonti" di Brescia basta il frame delle immagini Sky per togliere ogni dubbio. Untersee, che respinge il pallone forse mezzo metro oltre la linea, ha il ginocchio sinistro sulla riga di porta e la gamba destra estesa a colpire il pallone. Viene invocata la goal line technology, ma davvero questa volta non c'era bisogno di particolari strumenti per accorgersi della posizione del pallone. L'arbitro Daniele Martinelli è lontano dall'azione e anche in questo caso non viene aiutato dal suo assistente. Sarebbe stato il 2-0 per gli aquilotti, la partita finirà invece 1-1.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure